Sicurezza stradale, in vista il potenziamento dei controlli in Emilia-Romagna

Sicurezza stradale, in vista il potenziamento dei controlli in Emilia-Romagna

Sicurezza stradale, in vista il potenziamento dei controlli in Emilia-Romagna

Sicurezza stradale, accordo tra Regione Emilia-Romagna e Prefettura. L'obiettivo dell'accordo, sottoscritto nei giorni scorsi dal presidente della Regione Vasco Errani ed il prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia, è quello di potenziare ulteriormente i controlli con la presenza di personale medico sulle strade, disciplinando le sinergie con gli enti coinvolti nonché quello di sperimentare un sistema di sorveglianza rapida per la conoscenza delle sostanze stupefacenti.

 

Il protocollo, di carattere più generale, prevede l'impegno a sottoscrivere, successivamente, ulteriori intese di natura più tecnico-operativa.

 

Tra gli obiettivi quello che prevede e disciplina le modalità con cui vengono effettuati i controlli coordinati su strada da parte di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizie locali con l'ausilio di personale sanitario. Con il coinvolgimento di Prefettura, Università degli Studi di Bologna, Comune di Bologna, Provincia, Aziende Usl di Bologna e di Imola e Azienda ospedaliera di Bologna, prevede in particolare che il personale medico proceda nell'immediato a redigere il referto medico, con il duplice vantaggio sia di evitare che il personale delle Forze dell'Ordine venga distolto dall'attività di pattugliamento, sia di ridurre l'afflusso ai Pronto soccorso. Per tali controlli il personale operante si avvarrà di apparecchiature portatili a lettura automatica che svolgono una prima analisi sulla saliva. Il personale medico sarà messo a disposizione dalla Polizia di Stato e dal Corpo militare della Croce Rossa Italiana.

Inoltre il  Protocollo prevede l'impegno delle parti ad uniformare le procedure, sia quelle di rilevamento della sintomatologia clinica conseguente all'alterazione psicofisica in atto, sia quelle relative all' accesso alle strutture sanitarie e alla tipologia dell'esame di conferma.

 

L'intesa costituisce il perfezionamento e lo sviluppo di una modalità operativa per il contrasto alla guida sotto l'effetto di alcool o di stupefacenti già in essere da parte della Polizia stradale con l'ausilio dell'Ufficio sanitario provinciale della Questura di Bologna e vuole costituire una valida risposta alle direttive del Governo e agli obiettivi della stessa Regione Emilia-Romagna volti a porre in essere misure sempre più incisive per ridurre l'incidentalità stradale, che vede tra le principali cause proprio l'utilizzo di alcool e stupefacenti e per ridurre l'utilizzo di tali sostanze.

 

E' inoltre prevista la stipula di un secondo protocollo di intesa volto ad attivare una rete stabile di collaborazioni tra le istituzioni interessate (la stessa Regione, la Questura, l'Università degli studi, il Comune di Bologna ed alcuni comandi di Polizia municipale) ed i servizi socio-sanitari finalizzato alla identificazione e alla tipizzazione, da un punto di vista chimico e tossicologico, delle varie droghe. La rete è finalizzata alla diffusione in tempo reale ai destinatari delle informazioni relative alle caratteristiche delle sostanze ed ai potenziali danni associati, all'identificazione delle diverse modalità d'uso delle droghe stesse e di nuove popolazioni esposte nonché al miglioramento delle conoscenze degli operatori socio-sanitari e delle Polizie locali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -