Smantellata la rete del boss mafioso Matteo Messina Denaro

Smantellata la rete del boss mafioso Matteo Messina Denaro

Smantellata la rete del boss mafioso Matteo Messina Denaro

TRAPANI - Smantellata la rete di favoreggiatori del superboss latitante Matteo Messina Denaro, indicato come il nuovo capo di Cosa Nostra, e' in corso dalle prime ore di lunedì in provincia di Trapani. Diciannove i fermi emessi dalla Procura distrettuale antimafia. Tra i fermati anche il fratello, Salvatore Messina Denaro. Tutti gli arrestati devono rispondere di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamenti e trasferimento fraudolento di società e valori.

 

Gli agenti delle squadre mobili di Palermo e Trapani nella zona di Castelvetrano, paese natale del capomafia, hanno effettuato una quarantina di perquisizioni nelle province di Trapani, Palermo, Caltanissetta, Torino, Como, Milano, Imperia, Lucca e Siena, .Le indagini della polizia sono state coordinate dal Procuratore di Palermo Francesco Messineo, dall'aggiunto Teresa Principato e dai pm Marzia Sabella e Paolo Guido. L'operazione e' stato denominata in codice Golem 2.

 

Gli arresti costituiscono infatti il seguito dell'operazione Golem 1 del giugno scorso, condotta da uno speciale team investigativo, con l'obiettivo di disarticolare la rete di complicita' che avrebbe favorito la latitanza di Matteo Messina Denaro. Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi figurano infatti alcuni fedelissimi del padrino trapanese che avrebbero svolto il ruolo di "postini" per recapitare la corrispondenza del boss contenente ordini e disposizioni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -