Solarolo: le celebrazioni per il Giorgio del Ricordo

Solarolo: le celebrazioni per il Giorgio del Ricordo

Con la legge 30 marzo 2004 n. 92, il Parlamento italiano ha istituito la data del 10 febbraio quale ricorrenza del "Giorno del Ricordo" in memoria delle vittime delle foibe e dell'esodo dei 350.000 italiani istriani, giuliani e dalmati.

Anche a Solarolo, come nel resto d'Italia, dall'anno 2005 celebriamo questo importante anniversario con iniziative che hanno riscosso sempre notevole interesse e successo di pubblico.

 

Quest'anno le celebrazioni del "Giorno del Ricordo" si svolgeranno nel contesto dell'importante anniversario dell'Unità d'Italia e seguiranno un programma ormai consolidato  che si svilupperà nell'arco dell'intera giornata del 10 febbraio 2011.

Nella mattinata, presso il Plesso Scolastico "G. Ungaretti" si svolgerà l' incontro-conferenza dal titolo: "L'Esodo degli italiani da Istria, Fiume e Dalmazia" riservato agli alunni delle terze classi della scuola Secondaria di 1°Grado, il cui Relatore sarà il Prof. Alessandro LUPARINI, dell'Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea in Ravenna e Provincia, e a cui parteciperanno due Esuli di allora, la signora Giuliana Andricci profuga  da Lussino e il signor Oreste Pocorni profugo da Zara con le loro toccanti e commoventi testimonianze.

 

Alle ore 19,30, presso la Chiesa Arcipretale "Santa Maria Assunta" verrà presieduta dal nostro Parroco Don Marco Corradini e concelebrata  dal Cappellano Militare Interforze Don Carlo Lamelza, la Santa Messa, animata dai canti del Coro Leone di Bologna, in suffragio delle Vittime delle Foibe.

 La serata proseguirà poi con un concerto del  prestigioso Coro Leone di Bologna, diretto dal Maestro  Pier Luigi Piazzi, presso l'Oratorio dell'Annunziata, cornice ideale di un simile evento.

 

            L'evento celebrativo del "Giorno del Ricordo" ha ottenuto gli Autorevoli Patrocini di S.E. il Signor Prefetto di Ravenna Dott. Bruno CORDA, del Presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani, del Presidente della Provincia di Ravenna Francesco GIANGRANDI, del Sindaco del Comune di Trieste Roberto DIPIAZZA e del nostro Sindaco Fabio ANCONELLI.

 

Per quanto sopra esposto, e soprattutto consapevoli che nulla di più di un evento artistico culturale possa fare riflettere in maniera pacata e serena sulle tragedie della Storia, si invitano i cittadini, i rappresentanti dei partiti politici, le organizzazioni sindacali e le Associazioni   a partecipare alla commemorazione affinchè tutti possano contribuire a realizzare quella auspicata  "Memoria Condivisa" che, seppur nel rispetto delle diverse Idee, delle proprie Scelte e del proprio  Percorso di Vita,  rimane un valore fondante di ogni Comunità Umana.  

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -