Solidarietà, Caritas inaugura due strutture a L’Aquila

Solidarietà, Caritas inaugura due strutture a L’Aquila

Martedì 15 giugno sono state inaugurate a l'Aquila due nuove strutture interamente finanziate da Caritas Emilia-Romagna e Caritas Puglia. Alla presenza dell'arcivescovo de L'Aquila S.E. Mons. Giuseppe Molinari, del vescovo di Imola S.E. Mons. Tommaso Ghirelli, di S.E. Mons. Mario Paciello, incaricato regionale Puglia per il servizio della carità e la salute, di don Vittorio Nozza, Direttore di Caritas Italiana, Sauro Bandi, Direttore della Caritas diocesana di Forlì-Bertinoro, di altri rappresentanti delle Caritas di Emilia-Romagna e Puglia, sono stati consegnati un Centro per minori e un Centro ricreativo multifunzionale.

 

Alle delegazioni regionali Caritas di Emilia-Romagna e Puglia, nell'intervento nei territori terremotati in Abruzzo, erano state assegnate le zone de L'Aquila Est. In questa area, operatori e volontari hanno accompagnato i cittadini aquilani nell'emergenza e hanno seguito la realizzazione di progetti interamente finanziati con i fondi raccolti nelle Caritas diocesane di Emilia-Romagna e Puglia. 1.730.309 euro raccolti complessivamente in Emilia-Romagna (al 1 maggio 2010), di cui circa 82.000 provenienti dalla Caritas di Forlì-Bertinoro.

 

Il Centro per minori, situato in località Torretta, ha avuto un costo complessivo di oltre 300.000 euro. La struttura ospiterà le Suore Francescane Alcantarine, che seguiranno l'avvio della "Casa Stella Polare", un servizio rivolto ai minori sul territorio, attivato in collaborazione con l'Arcidiocesi de L'Aquila, l‘Ordine dei Ministri degli Infermi-Camilliani, IMR (Italian Medical Research) e l'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

 

Il Centro ricreativo multifunzionale, in località San Giacomo, è costato oltre 500.000 euro. La struttura, 325 mq,  prevede ampi spazi multifunzionali, adatti per attività sociali, culturali, pastorali e ricreative, tese a riaggregare e rafforzare il tessuto sociale. Sono previsti anche due spazi abitativi da destinare alle fasce deboli della popolazione presenti sul territorio della parrocchia: anziani, donne sole con figli, studenti, ecc.

 

Al 1 giugno 2010, Caritas Italiana ha raccolto complessivamente 33.888.092 euro per il terremoto in Abruzzo, utilizzandone fin qui (all'1 maggio 2010) 15.782.187. I fondi impiegati sono serviti per interventi di prima emergenza (147.775 euro), accompagnamento alla popolazione (768.317), ricostruzione (13.551.315), progetti sociali (637.200), riabilitazione socio-economica (210.000) e gestione operativa (467.580).

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di benpensante
    benpensante

    Complimenti queste sono iniziative che qualificano una città.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -