Spara al fidanzato della ex, condannato a cinque anni

Spara al fidanzato della ex, condannato a cinque anni

Sparò al “rivale in amore”. Perparim Alla, un 26enne di origine albanese, è stato condannato con rito abbreviato dal giudice Corrado Schiaretti a cinque anni di reclusione per lesioni personali aggravate. Il pubblico ministero, Francesco Alvino, aveva chiesto 7 anni per tentato omicidio. L’episodio si consumò nel pomeriggio del 31 maggio dello scorso anno quando l’albanese si presentò nell’abitazione dell’ex fidanzata a Punta Marina, armato di una pistola calibro 6.35.


Il giovane schiaffeggiò la ragazza, rea di aver un nuovo compagno. Quest’ultimo, un napoletano di 38 anni, si presentò pochi istanti dopo a casa della giovane. Nacque un furioso litigio tra i due contendenti, mentre la giovane riuscì a scappare via. Nel frattempo la situazione nell’abitazione di via della Fontana precipitò. Perparim tirò una pistola, sparando un colpo all’inguine al rivale. Poi scappò.


Immediatamente scattarono le indagini dei Carabinieri della stazione di Marina di Ravenna e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ravenna. Il napoletano anziché come andarono effettivamente le cose, disse di esser andato all’ospedale per farsi medicare una ferita provocata da una scheggia di pietra.


In realtà sia il 38enne che la fidanzata avevano paura di ritorsioni. I militari, nel corso di un controllo nell’abitazione del campano, avevano rinvenuto un paio di jeans con tracce di sangue ed un foro all’altezza dell’inguine. La mattina del primo giugno venne fermato l’albanese. Quest’ultimo era stato arrestato il 31 maggio per violazione della legge in materia di immigrazione “Bossi – Fini”.


Processato per direttissima venne condannato all’immediata espulsione. Subito dopo esser tornato in libertà, i Carabinieri di Marina di Ravenna lo trassero in arresto per tentato omicidio, porto abusivo di arma da fuoco, sequestro di persona e minacce. Per quell’episodio vennero denunciati due testimoni per favoreggiamento, rei di non aver collaborato per paura della reazione dell’albanese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovedì l’udienza in tribunale. Perparim, difeso dall’avvocato Monica Miserocchi, è stato condannato in rito abbreviato a cinque anni di reclusione per lesioni personali aggravate. Inoltre dovrà pagare una sanzione di 480 euro, oltre al pagamento di tutte le spese.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -