SPAZIO - Da Ateneo Modena minuscoli invertebrati per missione russa Foton-M3

SPAZIO - Da Ateneo Modena minuscoli invertebrati per missione russa Foton-M3

Modena, 13 dic. - (Adnkronos) - Minuscoli invertebrati, i tardigradi, saranno i prossimi 'ospiti' della missione spaziale russa Foton-M3. Gli animali, allevati presso il dipartimento di Biologia animale dell'universita' degli studi di Modena e Reggio Emilia, saranno a bordo del veicolo russo che verra' probabilmente lanciato nel settembre 2007.

''Questi microscopici organismi, i tardigradi - spiega Lorena Rebecchi, professore associato di Zoologia alla facolta' di Bioscienze e Biotecnologie dell'ateneo emiliano e coordinatrice scientifica del progetto - possiedono la particolarita' di sopravvivere naturalmente in condizioni di totale essiccamento, di congelamento, anche a bassissime temperature, di forti pressioni idrostatiche e di massicce dosi di radiazioni''. Per queste loro caratteristiche, i tardigradi sono uno dei pochi gruppi animali, scelti dall'Asi e dall'Esa, European Space Agency, per esperimenti da condurre nella missione Foton-M3, che ha ospitato, nel corso degli anni, un numero crescente di esperimenti di biologia.

''Questi microscopici organismi, i tardigradi - spiega Lorena Rebecchi, professore associato di Zoologia alla facolta' di Bioscienze e Biotecnologie dell'ateneo emiliano e coordinatrice scientifica del progetto - possiedono la particolarita' di sopravvivere naturalmente in condizioni di totale essiccamento, di congelamento, anche a bassissime temperature, di forti pressioni idrostatiche e di massicce dosi di radiazioni''. Per queste loro caratteristiche, i tardigradi sono uno dei pochi gruppi animali, scelti dall'Asi e dall'Esa, European Space Agency, per esperimenti da condurre nella missione Foton-M3, che ha ospitato, nel corso degli anni, un numero crescente di esperimenti di biologia.

''Il contributo della Fondazione cassa di risparmio di Modena, per la quale il sostegno alla ricerca scientifica e tecnologica rappresenta da sempre un obiettivo prioritario - ha commentato Ermanno Galli, consigliere di amministrazione della Fondazione - ha consentito di acquisire strumentazioni di ultima generazione e, quindi, di attrezzare laboratori idonei a sviluppare le indagini promosse dal dipartimento di Biologia animale dell'ateneo modenese-reggiano. Il nostro ente, inoltre, e' particolarmente sensibile ai progetti in grado di favorire le sinergie tra istituzioni, potenziare lo sviluppo socio-economico e migliorare la qualita' della vita. Il progetto nazionale MoMa, che coinvolge numerosi enti di ricerca e imprese del settore aerospaziale, con una significativa ricaduta dal punto di vista sociale, rappresenta un esempio ideale di questa attivita'''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -