SPORT - Regione, in Commissione via libera a progetto di legge su gestione impianti

SPORT - Regione, in Commissione via libera a progetto di legge su gestione impianti

BOLOGNA - Con il voto favorevole della maggioranza e astensione delle minoranze, si è concluso l'esame in Commissione regionale del Progetto di Legge d'iniziativa dei consiglieri Pironi, Lucchi, Salsi e Barbieri che ha per titolo "Disciplina delle modalità di affidamento della gestione di impianti sportivi di proprietà degli enti locali". L'esame dei 7 articoli da cui è composto il PdL ha portato all'approvazione di una serie di emendamenti presentati dal presidente della Commissione, Massimo Pironi, in seguito all'udienza conoscitiva che si era svolta un paio di settimane fa, nel corso della quale erano state espresse una serie di valutazioni da parte di Enti Locali, CONI, associazionismo sportivo ed Enti di promozione, finalizzate a rilanciare la valenza sociale dello sport dilettantistico. È assai probabile che il PdL venga iscritto all'ordine del giorno nella prossima seduta dell'Assemblea legislativa, ai primi di luglio.


Le modifiche più significative al testo riguardano: il quarto comma dell'art. 2, dove ai soggetti già presenti nella stesura originale si sono aggiunti quelli iscritti "nei Registri delle associazioni di promozione sociale" (ai sensi della L.R. 34/2002); all'art. 3, il servizio di gestione potrà essere affidato "in via diretta" anche quando "gli impianti sportivi hanno caratteristiche e dimensioni che consentono lo svolgimento di attività esclusivamente amatoriali e ricreative riferibili al territorio in cui sono ubicati"; all'art. 4 comma e, nella scelta dell'affidatario si dovrà tener conto dell'esperienza nel settore, del radicamento sul territorio, dell'affidabilità economica, ma anche "della qualificazione professionale degli istruttori, allenatori e operatori utilizzati"; infine, nell'art. 6 è stato inserito un comma in cui si stabilisce che la Regione, gli Enti locali e i soggetti gestori degli impianti sportivi "sono tenuti a fornirsi reciprocamente e a richiesta informazioni, dati statistici e ogni altro elemento utile all'attività di monitoraggio".


Con questo provvedimento, si prevede che la gestione degli impianti sportivi possa essere affidata in via diretta quando "sul territorio di riferimento dell'ente proprietario dell'impianto sia presente un solo soggetto che promuova la disciplina sportiva praticabile presso l'impianto".


In tutti gli altri casi, si definiscono i criteri di affidamento, a partire dalla "garanzia dell'apertura dell'impianto a tutti i cittadini"; inoltre, si prevede l'utilizzo "dell'avviso pubblico come modalità di pubblicità della procedura di selezione", la scelta dell'affidatario "che tenga conto dell'esperienza nel settore, del radicamento sul territorio. dell'affidabilità economica, della qualificazione professionale degli istruttori". La selezione andrà effettuata "in base alla presentazione di progetti che consentano la valutazione dei profili economici e tecnici della gestione". Con il soggetto prescelto verrà stipulata una apposita convenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -