Super Jimenez, il Cesena torna a vincere. Cagliari opaco

Super Jimenez, il Cesena torna a vincere. Cagliari opaco

L'esultanza dopo il goal

CESENA - Cesena padrone di casa e di gioco al Manuzzi. Contro il Cagliari i bianconeri hanno ritrovato i tre punti (un mese e mezzo dopo l'ultima volta in casa con la Lazio) grazie ad una prodezza di Jimenez nel primo tempo. Un 1 a 0 che sa di rivincita dopo la delusione del derby con una formazione più che mai azzeccata. Cagliari poco presente in campo se non ad inizio della ripresa. Il Cesena sembra aver ritrovato fiducia in se stesso e spazzato via le paure.

 

>CESENA-CAGLIARI: LE FOTO 1

>CESENA-CAGLIARI: LE FOTO 2

>CESENA-CAGLIARI: LE FOTO 3

 

Il 2010 sarà ricordato come l'anno del Cesena in serie A e la vittoria di sabato in casa non scalfisce un primato atteso per 20 stagioni. In campo sono scesi undici leoni affamati di vittoria proprio come richiesto dalla curva che ha incitato costantemente i suoi gladiatori in quell'arena che è il Manuzzi. Le squadre si sono studiate nei primi dieci minuti finché Nagatomo ha ricordato a tutti che solo lui sa scattare così veloce sulla fascia dando inizio alle ostilità.


Il Cagliari è apparso a tratti intimidito con una difesa che ha dato segni di cedimento già al 12mo con una bella azione di Parolo, che ha concluso con un tiro di poco sopra la traversa alle spalle del portiere. I difensori di Donadoni sono capitolati poco dopo, quando il gladiatore Jimenez si è fatto fuori due rossoblu concludendo con un tiro perfetto all'angolo alla destra di Agazzi. Il cileno ha esploso la propria gioia, correndo verso la panchina per abbracciare i propri compagni ma prima di tutti l'allenatore.


Il Cagliari ha dato segno delle sue potenzialità alla fine del primo tempo con un cross di Canini e il colpo di testa di Acquafresca che ha colpito la traversa. L'ultimo brivido per la retroguardia bianconera l'ha dato Conti che, a porta vuota, ha sparato alto. Nel secondo tempo l'arena si è tinta solo di bianconera. Numerose le occasioni del Cesena che, nonostante le belle giocate, non è riuscito nel raddoppio. Massimo Ficcadenti ha cercato freschezza, togliendo Bogdani per Budan. A tenere alto il gioco ci hanno pensato Jimenez, Caserta e Lauro.

La banda di Ficcadenti ha sfiorato il raddoppio con Caserta e Giaccherini, guerrieri per 90 minuti. L'azione principale del secondo tempo è partita da Budan per Jimenez che, in area, ha lanciato Caserta che in spaccata ha tirato di poco alla destra di Agazzi. La panchina si è alzata in piedi pronta ad esultare ma è stata un'illusione ottica. Il tifo della curva si è animato vedendo il Cesena giocare palla su palla e lasciando poco spazio al Cagliari remissivo.

 

L'unico neo è stata l'ammonizione di Jimenez, gladiatore incontrastato per tutta la partita e uscito a pochi minuti dalla fine tra gli applausi del pubblico. Al suo posto Schelotto. Il regalo del Cesena ha il sapore di tre punti e di una partita giocata bene in cui finalizzare non è un tabù. Il tifo ha applaudito i bianconeri sotto la curva anche dopo il triplice fischio. Ficcadenti "Cesare" per un giorno.

Le pagelle:
Jimenez, Caserta e Lauro sopra tutti. Giaccherini generoso (voto 7) e Budan sotto tono (5,5). Nagatomo (7). Il resto della squadra sufficiente. Nel Cagliari unica sufficienza per Acquafresca autore della traversa.

Alessandro Mazza


Super Jimenez, il Cesena torna a vincere. Cagliari opaco

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -