Tangenti, l'ex assessore della Regione Lombardia Prosperini patteggia

Tangenti, l'ex assessore della Regione Lombardia Prosperini patteggia

Tangenti, l'ex assessore della Regione Lombardia Prosperini patteggia

MILANO - L'ex assessore alla Regione Lombardia, Piergianni Prosperini, arrestato il 16 dicembre scorso con l'accusa di corruzione, truffa e turbativa d'asta per un giro di tangenti nella promozione televisiva del turismo ha patteggiato tre anni e cinque mesi. La condanna, ratificato dal gup di Milano, Gloria Gambitta, prevede anche un risarcimento di 80 mila euro e la confisca di 380 mila euro che erano stati sequestrati. "Inizia una nuova vita", ha commentato Prosperini.

 

Il gup Gloria Gambitta ha concesso all'ex politico la possibilità di fare volontariato presso il centro 'La Colombera' che si trova a Buccinasco, comune dell'hinterland milanese, nonostante sia sottoposto agli arresti domiciliari. "Per adesso basta con la politica, mi dedicherò ai meno fortunati, ai disabili. In particolare, all'ippoterapia dove applicherò le mie capacità equestri, tecniche e di medico", ha affermato Prosperini.

 

Davanti al gup hanno patteggiato anche l'ex patron del gruppo Profit-Odeon Tv, Raimondo Lagostena (una pena di 2 anni e 10 mesi), e il consulente pubblicitario Massimo Saini (una pena di 2 anni e 3 mesi).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -