Terremoto, l'Emilia-Romagna provvederà a tirar fuori dall'emergenza il comune di Montegallo

La Regione Emilia-Romagna "adotta" il comune di Montegallo (in provincia di Ascoli Piceno), dove verranno allestiti micro-campi per l'assistenza diffusa

La Regione Emilia-Romagna "adotta" il comune di Montegallo (in provincia di Ascoli Piceno), dove verranno allestiti micro-campi per l'assistenza diffusa e organizzate squadre di tecnici pronte a partire per accompagnare il Comune fuori dall'emergenza. Si tratta del paese marchigiano nel quale l’Agenzia di protezione civile regionale dell’Emilia-Romagna ha allestito tre campi per assistere la popolazione nelle ore successive al sisma che ha devastato vaste zone dell’Italia centrale. Cresce così l’impegno dell’Emilia-Romagna a favore delle popolazioni colpite.

La Regione, in collaborazione con l’Anci Emilia-Romagna (Associazione nazionale Comuni italiani), ha inviato circa 360 lettere a tecnici esperti per verificare la loro disponibilità a recarsi sul campo per aiutare l’amministrazione comunale di Montegallo nel censimento del danno e nelle verifiche di agibilità degli edifici. In accordo col Dipartimento nazionale di Protezione civile, i tecnici lavoreranno principalmente nel Comune di Montegallo, articolato in oltre 20 frazioni, ma anche in altri luoghi in caso di richiesta. Inoltre sono già pronti a partire dipendenti dei Comuni dell’Emilia-Romagna (ragionieri, amministrativi, personale di polizia municipale) per gestire tutti gli adempimenti necessari in questa prima fase di emergenza.

“Vogliamo fare la nostra parte per accompagnare il Comune in tutte le fasi dell’emergenza. Lo affiancheremo passo dopo passo non solo nell’assistenza alla popolazione, come stiamo già facendo, ma anche nel supporto amministrativo e nelle verifiche tecniche sugli edifici- spiega l’assessore alla Protezione civile, Paola Gazzolo-. Come ha detto il presidente Bonaccini durante la nostra visita di venerdì scorso, rimarremo a Montegallo fino a quando ci sarà bisogno e siamo disponibili ad aumentare il nostro impegno in base alle necessità”.
La Regione sta infatti attivando nella frazione di Abetito moduli di “assistenza diffusa”: quattro squadre composte da cinque volontari ciascuna e due squadre di tecnici stanno allestendo in queste ore dei micro-campi per rispondere meglio alle richieste dei cittadini che non possono abbandonare le loro abitazioni perché hanno animali da accudire o per esigenze di presidio.  

Ad oggi sono oltre 260 le persone assistite, più di 100 i volontari al lavoro nei tre campi di accoglienza allestiti dalla Protezione civile regionale a Montegallo, 350 i pasti erogati al giorno e un presidio medico attivo. Il 118 ha inoltre costruito una rete assistenziale composta da medici di base,  assistenti sociali e psicologi dell’emergenza del territorio. Infine, la Regione ha già stanziato un milione di euro per l’immediata emergenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiunque voglia contribuire può farlo con un versamento sul conto corrente unico aperto dalla Regione Emilia-Romagna: IBAN IT69G0200802435000104428964 - dall'estero BIC UNCRITM1BA2 - Intestazione e causale: Emilia-Romagna per sisma Centro Italia./BB

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -