TERREMOTO TERRIBILE IN ABRUZZO: MORTI E CITTA' RASE AL SUOLO

TERREMOTO TERRIBILE IN ABRUZZO: MORTI E CITTA' RASE AL SUOLO

TERREMOTO TERRIBILE IN ABRUZZO: MORTI E CITTA' RASE AL SUOLO

Una tremenda scossa di terremoto ha scosso nel cuore della notte il centro Italia e in particolare l'Abruzzo. Il sisma, di magnitudo 5,8 Richter, ha colpito soprattutto la zona intorno al capoluogo abruzzese. Tragico il bilancio: oltre cento le vittime (tra cui cinque bambini) secondo un primo provvisorio bilancio e 1.500 feriti. Ma il ministro Roberto Maroni teme un bilancio peggiore. Un'intera città è stata rasa letteralmente al suolo dalla forza del sisma.

 

BERLUSCONI - "E' la peggiore tragedia dell'inizio del millennio", ha dichiarato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervenendo telefonicamente a Sky tg24."E' una situazione - ha detto - che non ha precedenti in questo nuovo 2000 e interpreta quello che già sappiamo: il nostro Paese è aperto e sottoposto a queste periodiche scosse". Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a bordo di un elicottero, ha sorvolato nel primo pomeriggio di lunedì le zone colpite dal terribile sisma di lunedì notte nell'Aquilano. Sono almeno 26 i comuni interessati in modo "serio" dal terremoto. In molti paesi come Santo Stefano di Sessanio, Castelvecchio Calvisio, San Pio, Villa Sant'Angelo, Fossa, Ocre, San Demetrio ne Vestini e i centri dell'Altopiano delle Rocche, sono crollate numerose abitazioni del centro storico, mentre sono rimaste danneggiate le costruzioni più recenti e anche in cemento armato. Il premier è giunto a L'Aquila dove ha tenuto una conferenza stampa: "bisogna reagire senza polemiche".

 

BERTOLASO - "E la peggior tragedia dall'inizio del millennio", ha dichiarato il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso, che ha annunciato la firma, da parte del premier Silvio Berlusconi, del decreto per dichiarare lo stato d'emergenza nazionale. Decreto prontamente firmato, con conseguenze nomina di Bertolaso a commissario straordinario per il sisma in Abruzzo. "La situazione è drammatica", ha dichiarato il portavoce della Protezione Civile, Luca Spoletini.

 

CORDOGLIO - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, profondamente colpito dal tragico terremoto che ha colpito nella nottata tra domenica e lunedì l'Abruzzo, ha espresso i suoi sentimenti di vicinanza e solidarietà al Presidente della Regione, al Sindaco de L'Aquila e alle altre autorità locali. Anche il Papa Benedetto XVI esprime "viva partecipazione al dolore delle care popolazioni" colpite dal terremoto di stanotte, prega "per le vittime e in particolare per i bambini" e incoraggia sia i superstiti che "quanti in vario modo si prodigano" nei soccorsi.

 

CROLLI A L'AQUILA - La situazione più drammatica è nel capoluogo e in alcune delle sue frazioni come Onna, dove sono stati estratti sette corpi dalle macerie. Tra i morti anche una bimba di otto mesi e pare anche un altro bambino. Le vittime sono allineate sotto un albero. Quasi rasa al suolo Paganica dove sono già state registrate numerose vittime. Nel centro storico dell'Aquila vi sono numerosi crolli, moltissimi edifici lesionati e alcuni palazzi non antichi crollati completamente.

 

OSPEDALE IN TILT - Centinaia di persone sono accampate in attesa di soccorsi davanti all'ospedale dell'Aquila, che non è stato evacuato. Sono in corso verifiche e controlli sui viadotti è stato chiuso il tratto autostradale della Roma-L'Aquila (A24) tra Valle del Salto e Assergi in entrambe le direzioni. Già martedì dovrebbe essere riaperta l'autostrada A24 solo alle auto. Resta vietata ancora per i mezzi pesanti. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli. La scossa è stata avvertita distintamente in tutto il centro Italia, anche a Roma, dove centinaia di persone sono scese in strada, specie nei quartieri a nord-est della città.

 

SCOSSE - Nel frattempo lo sciamo sismico continua. La provincia dell'Aquila è stata interessata da circa due mesi da un'attività sismica, anche se non si erano segnalati danni nè a persone, nè a cose, fino ai primi di aprile quando il comune capoluogo aveva annunciato la richiesta del riconoscimento dello stato di emergenza."Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche, non era possibile prevedere la scossa che ha colpito oggi l'Italia centrale", ha dichiarato il dirigente della Protezione civile Agostino Miozzo. Da alcune settimane l'Abruzzo è stato colpito da uno sciame sismico con decine di piccole scosse. Ma non si placano le polemiche.

 

POLEMICHE - Il premier Silvio Berlusconi a Radio Uno invita a lasciare da parte le polemiche su eventuali responsabilità perchè il terremoto poteva essere previsto. "Lasciamo da parte le polemiche e vediamo di dare aiuto a chi ha bisogno. Si tratta di polemiche che ci sono ogni volta che succedono cose come queste. Purtroppo non ci sono mai state situazioni di avviso tali da poter essere certi di prevedere un terremoto".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MOBILITAZIONE - Sono una cinquantina le sezioni operative delle colonne mobili regionali dei Vigili del fuoco partite da tutta Italia per prestare soccorso alla popolazione colpita dal terremoto in Abruzzo. Le prime sette sono partite dal Lazio e sono tutte già operative nelle aree più colpite dal sisma; altre sei sono partite dalla Campania, dieci dalla Toscana e cinque dalle Marche. Sono in azione anche i nuclei cinofili nella ricerca dei dispersi: i primi sono stati quelli di Perugia, Pisa e Campobasso. In azione anche quattro elicotteri dei Vigili con personale Saf (speleo-alpino-fluviale). Da Trento è partito il primo contingente della Protezione Civile della Provincia autonoma di Trento. Anche il Pd e la Cgil si mobilitano per l'emergenza terremoto.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Mattia
    Mattia

    Il numero dei morti sta salendo continuamente... speriamo che molti dei dispersi vengano ritrovati sani e salvi. Che tragedia

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -