Terremoto, venerdì i funerali di Stato. Il Papa: ''presto verrò a trovarvi''

Terremoto, venerdì i funerali di Stato. Il Papa: ''presto verrò a trovarvi''

Terremoto, venerdì i funerali di Stato. Il Papa: ''presto verrò a trovarvi''

L'AQUILA - Saranno celebrati venerdì mattina, intorno alle 11, presso la Scuola Ispettori della Guardia di Finanza, i funerali delle vittime del devastante terremoto che nella nottata tra domenica e lunedì ha colpito l'Abruzzo, in particolar modo l'Aquilano. La funzione religiosa sarà svolta da Giuseppe Molinari, arcivescovo dell'Aquila, e da tutti i sacerdoti della diocesi del capoluogo abruzzese. Intanto si aggrava il bilancio delle vittime: 251 (17 da identificare).

 

NAPOLITANO - Giovedì il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sarà in Abruzzo ed è possibile che il capo dello Stato partecipi anche ai funerali di Stato delle vittime del terremoto. Al rito sarà presente anche un rappresentane del Papa. Intanto il Governo dichiarerà nei prossimi giorni una giornata di lutto nazionale per le vittime del terremoto in Abruzzo. Lo ha annunciato nell'Aula del Senato il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito, nella sua informativa sullo stato dei soccorsi. Il Papa si è rivolto alle comunità abruzzesi: "appena possibile spero di venire a trovarvi. Sappiate che il Papa prega per tutti". La visita papale potrebbe avvenire nella seconda metà del mese.

 

SCOSSE - La terra continua a tremare. Un'altra scossa è stata avvertita mercoledì mattina alle 6.27 a L'Aquila e negli altri comuni dell'Abruzzo colpiti dal sisma. Il movimento tellurico, di magnitudo 3.7, è durato circa una decina di secondi e ha fatto tremare strade ed edifici. Nella notte si sono verificate altre scosse più lievi, tra le quali - ha reso noto la Protezione civile - una alle 5 con magnitudo 3.5. Martedì sera, alle 19.42, invece, si è verificato un terremoto di magnitudo 5.3.

 

VISITE - A L'Aquila è giunto mercoledì il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, per verificare di persona lo stato degli uffici giudiziari. Nel capoluogo abruzzese anche il segretario del Pd, Dario Franceschini, che ha visitato il centro operativo della Protezione civile nella scuola della Guardia di Finanza a Coppito. Visita anche del leader della Cgil, Guglielmo Epifani. La Cgil ha organizzato un campo di accoglienza a Coppito, e ha inoltre allestito alcune tende per consentire alle organizzazioni del sindacato confederale locale di continuare a lavorare nonostante i danni alle loro sedi.

 

SI SCAVA - E mentre i 25mila sfollati hanno passato la seconda notte nelle tendopoli ad una temperatura intorno ai 5°C, i soccorritori continuano a scavare. Dopo 42 ore sotto le macerie è stata estratta viva dalle macerie Eleonora, una studentessa 24enne di Mondaino (Rimini). La ragazza è stata messa in salvo dai Vigili del Fuoco. Il palazzo di cinque piani dove viveva insieme ad altre studentesse in via Del Pioggio è ceduto. Nella notte sono stati estratti i corpi di due donne che abitavano in una palazzina crollata in via Sturzo. E tra le vittime si contano anche diversi sportivi: non ce l'hanno fatta il giovane calciatore del Loreto Aprutino (Eccellenza) Giuseppe Chiavaroli e il pallavolista Lorenzo Cini, 23 anni, di Montorio al Vomano (Teramo) che era palleggiatore nella squadra di serie B del suo paese.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CROLLI - Si sono verificati nuovi crolli di edifici a L'Aquila. La basilica delle Anime Sante, a poche decine di metri dal Duomo, dopo l'ultima violenta scossa ha riportato un ulteriore crollo della cupola. Nessun danno apparente, invece, al Duomo: la facciata appare integra e la scossa ha provocato solo la caduta di calcinacci e cornicioni. Oltre alla basilica, sono crollate parte delle mura antiche che cingono il centro storico della città, una casa in centro e una palazzina nei pressi della stazione. Una parte del muro perimetrale della caserma 'Rossi', sede della Brigata degli Alpini Taurinense, è crollata mercoledì mattina. La struttura esterna era stata già gravemente lesionata dalla prima forte scossa.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -