TERRORISMO - Dragotto (FI): ''La politica non veicoli messaggi ambigui''

TERRORISMO - Dragotto (FI): ''La politica non veicoli messaggi ambigui''

BOLOGNA - “Fanno rabbrividire i cori dell’Aquila a sostegno dei brigatisti e le scritte oltraggiose apparse a Bologna proprio dove Marco Biagi fu barbaramente ucciso”. Giorgio Dragotto, Presidente del Gruppo Assembleare di Forza Italia, si unisce al coro di condanna e di allarme contro il terrorismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un’ennesima segno della mancanza di “pietas” per coloro hanno perso la vita e spietata violenza nei confronti dei familiari delle vittime, una barbarie allo stato puro che è necessario stigmatizzare ed affrontare con la dovuta serietà e compattezza. Preoccupante la situazione di Bologna dove non passa settimana senza che questi terroristi si facciano sentire e generino preoccupazione per la città. E’ necessario affrontare i cosiddetti “compagni che sbagliano”, che altro non sono se non spietati assassini, applicando la ricetta della tolleranza zero, andandoli a snidare in quelle sacche di disubbidienza estremistica. E’ doverosa una riflessione anche sul ruolo di certi personaggi che nonostante i loro trascorsi ricoprono ruoli chiave nella nostra società, si converrà certo che nonostante il percorso personale come esempio educativo non sono certo da valorizzare. Le forze politiche si devono assumere l’onere di non veicolare messaggi ambigui e sbagliati, questo discorso vale soprattutto per la sinistra antagonista”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -