Terzigno, Bertolaso: ''Accordo valido, si va avanti''

Terzigno, Bertolaso: ''Accordo valido, si va avanti''

Terzigno, Bertolaso: ''Accordo valido, si va avanti''

TERZIGNO - I sindaci di Boscoreale, Terzigno, Trecase e Boscotrecase non hanno firmato il documento con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Guido Bertolaso, per risolvere l'emergenza rifiuti. Il capo della Protezione Civile ha detto che l'accordo proposto ai sindaci "è valido e ci sarà il rispetto unilaterale di questo impegno". È già stata convocata un'altra riunione per martedì e non è escluso che alla fine un'intesa possa essere trovata.

 

I sindaci hanno sottolineato infatti come da parte di Bertolaso ci sia un atteggiamento di apertura per "rispettare gli impegni". "Dobbiamo dare garanzie ai nostri cittadini se cava Sari sia sicura o meno - ha detto il sindaco di Boscoreale, Gennaro Langella, lasciando il Palazzo della Prefettura di Napoli - c'è necessità di fare gli opportuni controlli e riscontri con tecnici di nostra fiducia e capire quale sia il reale stato della discarica".

 

Bertolaso ha spiegato che verranno seguiti tutti i sei punti del documento di accordo di sabato notte, compreso lo stop di tre giorni per il conferimento di immondizia nella cava Sari per permettere analisi delle acque, dell'aria e delle zone circostanti. "Non arretriamo di un passo. Andremo avanti con l'accordo, rispettando i punti del decreto", ha evidenziato il capo della Protezione Civile.

 

Una volta conosciuti i risultati della analisi, la discarica sarà riaperta e accoglierà solo i rifiuti dei Comuni vesuviani compresi nella "zona rossa". Bertolaso ha parlato di "un accordo equilibrato che va al di là delle più rosee aspettative sulle garanzie". "Non ricordo un accordo in questi sei anni così vasto e aperto nei confronti dei cittadini", ha concluso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -