Tomatis contro l'inceneritore: la raccolta differenziata è il primo passo.

Tomatis contro l'inceneritore: la raccolta differenziata è il primo passo.

FORLI’ – Lorenzo Tomatis confessa al “Corriere di Forlì” le sue remore sull’inceneritore. Come presidente del consiglio scientifico dell’Associazione medici per l’ambiente, era stato chiamato a firmare il verbale sulle indagini compiute da Ausl, Comune e Arpa, ma ha deciso di non farlo. Il motivo? Non sono state eseguite le ricerche sullo stato dei bambini, che lui aveva ritenuto indispensabili. Una critica da un grande esperto dunque.


Tomatis mette in evidenza come le emissioni dei termovalorizzatori siano estremamente pericolose e come, nella ricerca degli enti, siano state tralasciate le analisi sugli ossidi di azoto e di carbonio e sul benzene. Inoltre è criticato quello che, secondo gli esami, sarebbe il fattore più inquinante per l’aria di Coriano, ovvero i gas di scarico delle auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le sostanze che fuoriescono dagli inceneritori, nonostante le analisi ‘ufficiali’ non parlino di rischi e non tengano in considerazione i tumori evidentemente derivati dalle stesse, non possono non essere considerate, anzi i loro effetti sono moltiplicativi. Raccolta differenziata dunque per cominciare, l’incenerimento dei rifiuti viene visto da Tomatis come una follia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -