Torino, nuovo caso di mozzarella blu

Torino, nuovo caso di mozzarella blu

Torino, nuovo caso di mozzarella blu

TORINO - Nuovo caso di mozzarella blu. Stando a quanto riportato venerdì da "La Stampa", sono state sequestrate due confezioni di latticini colorati in un supermercato di Rivoli, in provincia di Torino. Il caso è già al vaglio del procuratore Raffaele Guariniello, titolare dell'inchiesta. Gli esami dell'Istituto zooprofilattico hanno confermato che la colorazione della mozzarella è dovuta al batterio pseudomonas fluorescens, che prolifera quando esistono carenze igieniche nell'acqua.

 

"La Stampa" ha aggiunto che dalle indicazioni riportate sulle confezioni, le mozzarelle sono prodotte con latte italiano. Tuttavia gli inquirenti hanno rilevato un legame tra la Granarolo e l'azienda tedesca Jaeger, cui fanno riferimento gli altri casi scoperti finora.

 

La casa bolognese ha subito precisato in una nota  di non aver mai acquistato "latte, mozzarella, semilavorati o ingredienti dalla società tedesca Jaeger, che invece è stata fornitrice dell'azienda, ma esclusivamente di provole dolci (prodotti finiti confezionati)". Inoltre, ha continuato Granarolo, "non è mai stata sentita o contattata dalla magistratura di Torino, non ha mai ricevuto alcuna comunicazione o notifica da parte delle Autorità sanitarie sul caso citato".

 

Riguardo al messaggio pubblicitario, non ci sono inganni: regolarmente vengono effettuati controlli su processo produttivo e acque e di recente l'azienda è stata sottoposta "a controlli da parte delle Autorità sanitarie, nell'ambito dei quali sono stati prelevati campioni ufficiali (acque e mozzarelle) che sono stati analizzati e risultano perfettamente conformi".  Inoltre "se sulla confezione è riportata la dicitura 'solo latte fresco italiano' significa che la materia prima è esclusivamente italiana".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -