TRASPORTI - Peri: ''Imprese di trasporto pubblico in grande difficoltà''

TRASPORTI - Peri: ''Imprese di trasporto pubblico in grande difficoltà''

BOLOGNA - Un incontro a Roma, mercoledì 14 novembre prossimo, per chiedere al Governo le risorse necessarie per poter attuare l’Accordo sul Trasporto pubblico locale definito a Palazzo Chigi.


Lo promuovono Asstra (associazione delle società ed enti del trasporto pubblico locale di proprietà degli enti locali, delle Regioni e di imprese private) e Federmobilità (Forum italiano per il governo regionale, locale e urbano della mobilità sostenibile).


“C’è, prima di tutto, un dato straordinario – sottolinea Alfredo Peri, assessore alla Mobilità e Trasporti della Regione Emilia-Romagna e presidente di Federmobilità – : le istituzioni, gli operatori pubblici e privati chiedono non solo insieme le stesse cose, ma hanno già sottoscritto un’intesa costruita a Palazzo Chigi, con il Governo che ha condiviso la piena attuazione della riforma del settore – che vuol dire liberalizzazione, gare per decidere chi gestisce i servizi – e più risorse certe per realizzare tutto questo”.


Ora, “le risorse sono ferme da cinque anni, e nel frattempo l’inflazione è galoppata: le imprese sono ormai in grande difficoltà. Abbiamo bisogno di avere garanzie. Per il 2006 “le aziende del nostro territorio hanno maturato un disavanzo nell’ordine di 10-11 milioni di euro. Occorre un intervento strutturale. In Finanziaria è previsto uno stanziamento nazionale di 500 milioni di euro, ma al settore arriverebbero solo 150 milioni come spesa corrente. La nostra proposta è che tutti i 500 milioni vengano assegnati al Tpl, e che quelle risorse diventino strutturali e continuative”.


Conclude Peri: “Il Tpl non è solo un valore in sé, ma può dare un contributo indispensabile alla mobilità quotidiana, a rendere più vivibili le nostre città. Occorre dare piena attuazione alla riforma del settore e poter contare su risorse certe, derivanti dalla compartecipazione fiscale che lo Stato deve decentrare, così come sono decentrate le competenze”.


LA SITUAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA


Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna, nell’ultimo triennio i servizi di Tpl sono passati da 111.839.361 chilometri complessivi percorsi (2004) ai 113.199.272 del 2005, fino ai 114.092.010 del 2006, con un incremento del 2% circa. Nello stesso periodo i contributi complessivi per il Tpl (da Regione Emilia-Romagna, Governo, enti locali, più fondi statali per il rinnovo del Ccnl) sono aumentati del 4% circa; nello specifico, i contributi della Regione sono passati dai 193,7 milioni di euro del 2003 ai 199,6 del 2006 (+1,58%). Tutto ciò, però, a fronte di un incremento dei costi dei servizi stimabile attorno al 9%.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -