Turismo, la riviera romagnola è sempre la 'regina' dell'estate

Turismo, la riviera romagnola è sempre la 'regina' dell'estate

Turismo, la riviera romagnola è sempre la 'regina' dell'estate

L'Emilia Romagna con la sua Riviera si conferma leader incontrastata delle mete al mare: Rimini e Riccione le reginette dell'estate. Questo quanto emerge dall'indice dei prezzi hotel del motore di ricerca www.trivago.it. Se Rimini polarizza l'attenzione del mercato internazionale, Riccione in questo momento viene scelta dagli italiani tanto quanto Rimini e guadagna +28% nelle ricerche rispetto allo scorso anno, "ritoccando" il listino prezzi del 7% in confronto a Luglio 2010.

 

In leggera crescita le tariffe rispetto a Giugno nelle altre principali mete della Riviera, Cattolica (142€, +16%), Cervia (127€, +14%), Cesenatico (126€, +11%); listini invariati invece a Bellaria-Igea Marina (132€). Tariffe in calo nei principali centri interni: Bologna (85€,-11%), Ferrara (86€,-7%) e Modena (99€,-6%).

 

  

Campania e Puglia a gonfie vele

La Puglia si appresta a celebrare un'altra estate con numeri da record, consolidando la crescita degli anni scorsi. Aumenti fino al 45% delle ricerche hotel verso il Tacco d'Italia, che registra un prezzo medio di 114€ a notte, con un incremento del 5% rispetto al mese scorso. Gallipoli (+7%), Otranto (+11%) e Vieste (+5%) le città più ricercate, mete in cui i listini tariffari hanno giá spiccato il volo a Luglio con tariffe medie rispettivamente di 192€, 167€ e 123€. Aumenti anche nelle altre destinazioni pugliesi, Ostuni (152, +12%), Fasano (197€, +30%). Tariffe in flessione a Bari (113€) e Lecce (92€) dove si registrano diminuzioni rispettivamente dell'8% e 2%.

Un posto al sole nel cuore dei vacanzieri per la Campania, che questa estate sta attirando maggiormente le attenzioni degli italiani e registra un aumento delle ricerche e prenotazioni complessivo del +45% per questa prima parte della stagione. Destinazioni campane al top, Capri (238€) e Sorrento (145€), la prima segna un aumento delle ricerche del 60%, la seconda perde qualche punto percentuale ma resta sempre la seconda destinazione al mare davanti a Ischia (176€), Palinuro (137€) ed Amalfi(166€). Napoli, meta più culturale che balneare, perde invece il 32% delle ricerche alberghiere ed é più conveniente del 10% rispetto a Giugno, classificandosi come una delle mete estive italiane più economiche: una doppia costa in media solo 84€ a notte.

 

Sicilia la piú conveniente, Calabria leggera flessione

Palermo (88€), Trapani (87€), Agrigento (89€) e Catania (94€) presentano delle tariffe molto competitive rispetto alle altre mete estive italiane. Discorso diverso per Taormina, meta tradizionalmente piu´esclusiva che presenta un prezzo medio di 180€ a notte, lo stesso prezzo del 2010. Prezzi competitivi nelle altre principali destinazioni siciliane: Milazzo (100€), Siracusa (112€),  Giardini Naxos (126€) e Lipari (128€). Variazioni sensibili sulle ricerche alberghiere: Lampedusa in questa prima parte della stagione perde il 60% delle ricerche Hotel rispetto allo stesso periodo del 2010, Taormina perde il 22%; +13% per Catania.

Leggera flessione per la Calabria che quest'anno subisce una diminuzione delle ricerche alberghiere del 5%: mete top della stagione, Tropea (118€), Capo Vaticano e Ricadi (129€).

 

Toscana, Costa versiliese vs Costa Maremmana: la differenza è nel prezzo

Trend positivo anche per la costa Toscana, che registra aumenti generalizzati  delle ricerche sulla Versilia, in particolare su Viareggio (+61%), Forte dei Marmi e Lido di Camaiore (+23%). Lo scossone si fa sentire peró anche nei prezzi: se una camera doppia a Luglio costa a Forte dei Marmi 267€, Viareggio (196€) e Lido di Camaiore (186€) si distaccano solo di qualche decina di euro. Piú economica la costa maremmana con Grosseto a 124€ e una riduzione tariffaria dell'8% rispetto allo scorso anno. In progressivo miglioramento già dall'inizio dell'anno, la Liguria registra questa estate un aumento delle ricerche dell'8% con Alassio (193€) e Genova (103€) in vetta alle preferenze del mercato internazionale, soprattutto francese

 

Stagione sottotono per la Sardegna

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sereno variabile per alcune destinazioni balneari turistiche generalmente di punta. La Sardegna, che aveva registrato lo scorso mese una flessione delle ricerche alberghiere del 23% rispetto a Giugno 2010, conferma il trend negativo anche a Luglio.  Le tariffe alberghiere medie salgono rispetto allo scorso mese (169€,+19%), tenendosi comunque più bassi dell'otto per cento rispetto a dodici mesi fa. Nell'isola le variazioni annuali più forti le subiscono San Teodoro in negativo (-31% delle ricerche) e Cagliari  in positivo (+33% ricerche, supportato da -8% dei prezzi Hotel rispetto al 2010). Listini tariffari in calo per le destinazioni piú esclusive: Porto Cervo (325€,-6%), Villasimius (265,-16%).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -