Un maschio su 3 soffre di patologie andrologiche

Un maschio su 3 soffre di patologie andrologiche

ROMA - Un maschio su tre a 18 anni soffre di patologie andrologiche. Il 5%, invece, deve fare i conti con alterazioni ormonali, in parte dovute anche all'abuso di sostanze dopanti. E' quanto si evince nel rapporto del centro nazionale di prevenzione e controllo delle malattie del ministero della Salute presentato a Roma dal Ministero del Lavoro nell'ambito di "Amico andrologo", campagna d'informazione e sensibilizzazione della popolazione maschile.

 

L'obiettivo è quello di acquisire dati e diffondere informazioni sulla salute dei giovani al fine di impostare strategie di prevenzione per la salute riproduttiva sessuale.I dati di sorveglianza epidemiologica raccolti dimostrano un incremento delle patologie del tratto urogenitale maschile. Il varicocele colpisce oltre l'11% dei giovani maschi; il criptorchidismo interessa oltre il 2% dei bambini a 3 mesi.

 

Complessivamente si assiste ad un declino del potenziale di fertilità del maschio e aumento dei disordini della sfera sessuale nell'età adulta che interessa tra il 28% e il 33% della popolazione. Le gravi alterazioni dell'asta e dell'uretra sono intorno allo 0,9%. Il tumore testicolare è la neoplasia più frequente nella fascia 0-44 anni (tasso in Italia 5,4; rischio nell'arco della vita 3,7%). Nel nord Europa il suo tasso è raddoppiato in 20 anni, raggiungendo in Danimarca il 9,8.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -