Un pacemaker per combattere l'ipertensione

Un pacemaker per combattere l'ipertensione

Un pacemaker per combattere l'ipertensione

Un pacemaker per ridurre la pressione nei pazienti ipertesi, che non reagiscono alle cure. E' stato impiantato per la prima volta all'ospedale Molinette di Torino dal direttore della Neurochirurgia universitaria, Alessandro Ducati, in collaborazione con il direttore del reparto di Medicina Interna 4 e del Centro Ipertensione arteriosa, Franco Veglio. La paziente, una 50enne di Torino, si curava con oltre 12 tipi di farmaci in contemporanea, per tenere a bada i valori della pressione medi di 250/140.

 

Questa nuova tecnica, che attiva i sensori carotidei mediante un device stimolatore, prevede l'impianto del suddetto sotto la cute e di due elettrodi nel collo intorno alla biforcazione delle arterie carotidi. Con questa soluzione si riesce a ridurre sensibilmente la pressione arteriosa senza l'utilizzo di farmaci, contribuendo alla riduzione del rischio di ictus ed infarto. Le persone affette da ipertensione arteriosa in Italia sono 20 milioni circa, di queste il 5% non è curabile farmacologicamente.

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -