Un'impresa su quattro parla femminile: cresce l'imprenditoria rosa

Un'impresa su quattro parla femminile: cresce l'imprenditoria rosa

Sempre più donne avviano un’impresa in Emilia Romagna, tanto che ogni 4 imprese, ce n’è 1 diretta da donne. La gestione d’impresa al femminile è un fenomeno in crescita: sul totale dei 709.849 lavoratori indipendenti, maschi e femmine, presenti in regione, le imprenditrici sono 184.130, pari al 25,9% percentuale superiore a quella nazionale che è del 23,5%. Delle 184.130 imprenditrici presenti in Emilia Romagna, il 29% sono artigiane. Sono i dati diffusi da Cna regionale.


Si tratta prevalentemente di donne giovani; la metà di loro ha, infatti, un’età compresa tra i 30 ed i 49 anni; il 35% si attesta tra i 25 ed i 39; il 26% dai 40 ai 49. Solo il 39% ha un’età superiore ai 50 anni. Il 48% gestisce un’impresa da oltre 10 anni. Alto il livello di scolarizzazione, superiore a quello degli uomini, soprattutto nella fascia di età fino ai 44 anni. Il 70% del management femminile è in possesso di diploma di scuola superiore ed il 5% di laurea. Altro elemento, quello delle imprese dirette da donne nate all’estero, che rappresentano oggi il 4,35%.


CNA Impresa Donna conta in Emilia Romagna 27.316 associate tra titolari, socie e collaboratrici di imprese. Una presenza diffusa su tutto il territorio regionale, che si caratterizza poi nelle singole province con peculiarità proprie. Modena e Bologna, ad esempio, sono le province con il maggior numero di imprenditrici associate (rispettivamente 5.844 e 5.294) e con le percentuali più alte di società di capitali (rispettivamente il 18,62% e il 18,83%di SRL), mentre Piacenza e Ravenna risultano essere le province con le imprenditrici più giovani (rispettivamente il 5,90% e il 5,80% hanno meno di 29 anni). Rimini è la provincia con la percentuale più alta in regione di imprenditrici straniere (8,82%); Ravenna e Parma infine, sono le province con le più alte percentuali di imprenditrici artigiane (rispettivamente il 69,73% e il 69,28% delle associate).


“Un fenomeno, quello delle imprenditrici in rosa, che CNA Impresa Donna sostiene da tempo promuovendo tra le giovani donne – come spiega la presidente regionale Paola Sansoni - la formazione e l’orientamento all’avvio d’impresa. Proprio per favorire la conoscenza delle opportunità che oggi il mercato offre a giovani donne che abbiano voglia di tradurre il loro sapere in sapere fare, come Impresa Donna CNA, abbiamo istituito nel 2005 un Bando di concorso per tesi di laurea specialistica e di ricerca, giunto alla sua quarta edizione. Quest’anno il Bando, gestito in collaborazione con CNA Impresa Donna di Parma, presenta una significativa novità: premierà le migliori tesi e lavori di ricerca presentati da donne sulle tematiche inerenti lo sviluppo economico della regione ed il rapporto fra le imprese e il territorio”.


Il successo delle precedenti edizioni ha fatto sì che anche per il 2008, il Premio goda dell’Alto Patronato di UEAPME (l’Unione Europea delle Piccole e Medie Imprese) e del patrocinio della Regione Emilia-Romagna; della Provincia, del Comune e della Camera di Commercio di Parma; dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e dell’Università degli Studi di Parma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al Bando possono partecipare tutte le donne laureate e laureande, italiane e straniere, dottori di ricerca e dottorande di tutte le discipline delle Università dell’Emilia Romagna, con lavori realizzati negli ultimi 3 anni accademici non presentati in precedenti edizioni. Le domande dovranno pervenire entro il 26 settembre 2008 a: CNA Impresa Donna Emilia Romagna, Viale Aldo Moro, 22 – 40127 Bologna. Per informazioni è possibile rivolgersi al numero telefonico 051 6099428. La Borsa di studio, pari a 3.000 euro, verrà assegnata da un Comitato Tecnico – Scientifico composto da rappresentanti di CNA Impresa Donna, degli Enti patrocinatori e docenti universitari; il Comitato avrà la facoltà di assegnare menzioni speciali per lavori presentati, ritenuti particolarmente meritevoli. La cerimonia di premiazione è prevista nel dicembre 2008 a Parma.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -