Una cellula del sangue umano come 'vaccino' contro l'Aids

Una cellula del sangue umano come 'vaccino' contro l'Aids

Una cellula del sangue umano come 'vaccino' contro l'Aids

Una cellula del nostro sangue capace di neutralizzare il virus dell'Hiv. Questa la scoperta degli scienziati della Ucla, l'Università californiana di Los Angeles. Le cellule umane opportunamente modificate sarebbero in grado di uccidere quelle colpite dal virus dell'Hiv, responsabile dell'Aids. Lo studio è pubblicato dalla rivista scientifica on-line Plos One: "le cellule umane, modificate in questo modo, possono diventare dei vaccini genetici", anche per altre gravi malattie virali.

 

Gli studiosi spiegano che, per raggiungere risultati concreti, serviranno altri anni di ricerca. Si deve procedere con la sperimentazione sull'uomo.

 

"Questo studio ha dimostrato la validità del principio teorico secondo cui delle cellule modificate, in particolare le T-cell (linfociti T), possono migliorare il nostro sistema immunitario e possono essere usate per colpire altre cellule, infette dal virus Hiv - spiega il dott.Scott G.Kitchen, docente di Ematologia e Oncologia alla scuola di medicina David Geffen e componente dell'Istituto dell'Ucla sull'Aids- Queste ricerche mettono le basi per ulteriori sviluppi terapeutici che riguardano la ricostruzione di cellule malate o che reagiscono in modo insufficiente, dal punto di vista immunitario, ai tanti virus che provocano malattie croniche e persino alcuni tipi di tumori".

 

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -