Una Pasqua di criminalità a Riccione tra furti, spaccio e rapine: 11 arresti

Una Pasqua di criminalità a Riccione tra furti, spaccio e rapine: 11 arresti

Una Pasqua di criminalità a Riccione tra furti, spaccio e rapine: 11 arresti

RICCIONE- Sono undici le persone arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Rimini nell'ambito dell'operazione "Pasqua Sicura". I militari dell'Aliquota Operativa di Riccione ed i colleghi della locale stazione, hanno arrestato C.A., un milanese di 24 anni con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante un servizio in borghese, i militari l'hanno notato aggirarsi con fare sospetto in una nota discoteca della Perla Verde.

 

Addosso aveva 5,1 grammi di mdma, suddivisi in 14 dosi, e 220 euro, ritenuti il provento dell'illecita attività. Sempre nello stesso locale sono finiti in manette altri tre giovani. Il primo è A.S., uno studente di 20 anni originario di Mazara del Vallo, ma residente a Genova, con l'accusa di furto con strappo. Il giovane, già noto alle forze dell'ordine, insieme ad un complice non ancora identficiato si è avvicinato ad uno studente modenese di 22 anni, che si trovava sulla pista da ballo, strappandogli dal collo una catena in oro. Il 20enne, prima di esser bloccato dalla vittima, ha consegnato l'oggetto al complice, che si è disperso tra la folla.

 

Dovrà invece rispondere dell'accusa di rapina un operaio napoletano di 35 anni, residente a Bellaria Igea Marina, M.F., il quale, qualificandosi come un poliziotto, ha più volte minacciato un 19enne di Firenze, residente a Prato, facendosi poi consegnare 170 euro. I Carabinieri, su richiesta della vittima, sono tempestivamente intervenuti, bloccando il campano e recuperando la refurtiva.

 

In un'altra nota discoteca di Riccione sono stati arrestati con l'accusa di furto aggravato in concorso cinque giovani residenti a Imola: si tratta di A.P. e M.G., due 19enni originari di Castel San Pietro Terme; D.Z., un 24enne marocchino; e D.E. e B.A., due albanesi di 23 anni. I militari in borghese hanno sorpreso i cinque nascosti tra le autovetture in sosta, sorprendendoli mentre stavano asportando capi d'abbigliamento ed effetti personali da due auto.

 

I ladri hanno tentato di allontanarsi a bordo di una Audi 80, ma sono stati prontamente bloccati dai Carabinieri che li hanno arrestati, sequestrando l'attrezzatura utilizzata per l'apertura dei veicoli e recuperando interamente la refurtiva rubata, del valore di 2mila euro circa, restituita agli aventi diritto.

 

Nei pressi della stazione ferroviaria di Riccione i Carabinieri hanno arrestato con l'accusa di furto aggravato tre giovani marocchini, residenti a Modena. Si tratta di D.I, D.A. e Z.S., sorpresi da un cittadino fuggir via dopo aver mandato in frantumi il finestrino anteriore della sua auto, dalla quale avevano portato via vestiti ed effetti personali.

 

La pattuglia ha subito bloccato i tre giovani marocchini, accertando che poco prima avevano ripulito altre due auto. L'intera refurtiva, del valore complessivo di 2.150 euro, è stata ecuperata e restituita ai legittimi proprietari. Gli 11 arrestati, espletate le formalità rito, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza di Riccione, Cattolica e Rimini, in attesa del rito direttissimo che si celebrerà mercoledì mattina al Tribunale di Rimini.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -