Valmarecchia, Pini (Lega) annuncia: "Accelerati i tempi"

Valmarecchia, Pini (Lega) annuncia: "Accelerati i tempi"

Valmarecchia, Pini (Lega) annuncia: "Accelerati i tempi"

Sembrano accelerare i tempi per il passaggio della Valmarecchia dalle Marche all'Emilia-Romagna. Ad annunciarlo è Gianluca Pini, deputato della Lega Nord e ‘tessitore' principale degli accordi che hanno sbloccato alla Camera la situazione del passaggio dei sette comuni alla nostra regione. "La collega Manuela Dal Lago ha svolto un ottimo lavoro - ha detto Pini - con alcune modifiche alla proposta di legge che dovrebbero accelerare di diversi mesi il passaggio"

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nello specifico - continua Pini - la collega Dal Lago ha individuato nello strumento del Decreto Ministeriale l'atto amministrativo per operare il passaggio tecnico anziché il Decreto Legislativo. In termini di tempi - precisa il deputato leghista - vuol dire risparmiare mesi." Per quanto riguarda la possibilità che gli abitanti dell'alta Valmarecchia votino già alle elezioni amministrative di Rimini, Pini non si sbilancia, ma ha affermato che "nonostante i tempi stretti, se non ci sarà ostruzionismo, potremmo riuscirci."

Commenti (8)

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Roberto S, tante volte siamo stati su posizioni opposte, ma questa volta concordo in pieno sulla tua analisi, a dimostrazione che destra e sinistra in questa battaglia dovrebbero unirsi Secondo me, però, è indispensabile includere territorialmente Imola -che come identità è Romagna - e considerare più Faenza perchè altrimenti c'è troppo sbilanciamento verso la costa, mentre questi territori sono già impoveriti e panalizzati da i loro rispettivi capoluoghi. Unendo FO -CE -RA -RN l'entroterra non ha forza e chi se ne avvantaggia è solo Cesena che si verrebbe a trovare nel baricentro, come dimostra l'Area Vasta a livello sanità. Non credo poi che a Rimini interessi qualcosa che non riguardi la sua Riviera. Non si risolverebbe il problema dei campanilismi. Le soluzioni sono due: 1) Regione Romagna in modo da rendere istituzionali gli equilibri e non accordi fra amministratori compagni di merende (capoluogo simbolico Ravenna perchè e la città più importante); 2)non potendo realizzare la regione Romagna unione delle province RA - FC in modo che curino i loro interessi escludendo Rimini che è già foraggiata da Bologna - vedi caso dell'aeroporto e fiere (nulla contro la bellissima città di Fellini che tutti amiamo).

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Purtroppo la polemica sulla regione Romagna non è campata in aria. E' vero che ci sono problemi molto più importanti (crisi economica ad esempio), ma nulla vieta che sia possibile portare avanti questo tema a scapito di altri! E' indubbio che la regione è da sempre più attenta alle aree produttive Emiliane piuttosto che alle realtà Romagnole (eccezione fatta per RIMINI... chissà perchè?!?), e tutte le volte che è stato fatto un intervento importante si è sempre avuta la sensazione che la Regione giocasse in modo poco pulito puntando più sui campanilismi fra le quattro città Romagnole piuttosto che nell'ottica di uno sviluppo omogeneo e globale della Romagna. Esempio ultimo e la vicenda degli aeroporti romagnoli, dove si è fatto tutto fuorchè l'interesse comune di Rimini e Forlì... chi ci guadagna è solamente SEAF Bologna! Altro esempio è il turismo... solo recentemente si stanno valorizzando le stupende realtà dell'entroterra Ravennate, Riminese, Cesenate e Forlivese, ma queste iniziative non sono mai partite dalla Regione... casomai la Regione si è appropriata delle iniziative e le ha spacciate per proprie solo dopo che ha capito che ci possono essere risorse economiche da tassare... (esempio le Saline di Cervia!) In questa ottica sarebbe auspicabile se non la creazione della Regione Romagna, almeno la costituzione di una Provicia Ampia Romagnola che goda di Statuto Speciale all'interno della realtà regionale. Questo non vuol dire che alla base ci siano discorsi riguardanti etnie e tradizioni, ma semplicemente la Romagna deve avere la stessa dignità territoriale dell'Emilia... d'altronde provate a chiamare Romagnolo un Emiliano... anche se bonariamente rimarcherà l'errore! Certo è necessario che i campanilismi vengano a cessare e si vada tutti, noi romagnoli, verso uno sviluppo della nostra realtà territoriale ed economica... Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini (in rigoroso ordine alfabetico...) sono disposte a ciò? Purtroppo credo che ancora non ci sia una volontà comune di cambiare ma semplicemente, per ora e fino ad ora, ogni realtà romagnola ha cercato di approfittare delle occasioni a scapito dei tre vicini... La vedo... trista (come direbbero a Bologna!) per l'autonomia Romagnola...

  • Avatar anonimo di Mattia
    Mattia

    Che la Romagna sia economicamente e geograficamente centomila volte meglio dell'Emilia è ovvio dai....però di qui a rinnegare la nostra regione (tutta) ce ne passa... Concordo pienamente con il diritto dei comuni della Valmarecchia a chiedere l'annessione alla Regione. Davide3: smettila ogni volta di ricondurre tutto a livello politico, sei stufoso, ti manderei a casa la Roberti... :P

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Assolutamente legittima e da difendere la volontà dei comuni della Valmarecchia e orgoglioso di essere romagnolo, ma da qui a chiedere una ANTISTORICA autonomia ce ne passa!!!( e con quali confini????) Poi sappiamo tutti che un medio Sangiovese è MOLTO più buono di un "ottimo" lambrusco.... ma questo è un altro discorso.....

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    ma guarda te che problemi che ha sta gente... con le fabbriche che chiudono, le cassaintegrazioni, i morti sul lavoro... roba da matt!!!

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    La storia ha parlato? l'emilia è una strada? violenza storica inaudita a danno di un popolo? Le altre persone leggeranno questi commenti e capiranno che soggetti sono questi sostenitori della regione romagna e le vere motivazioni che li muovono. mi sembra di leggere un volantino pubblicitario del ventennio oppure di vedere fascisti su marte...

  • Avatar anonimo di sesepo
    sesepo

    i cittadini si sono espressi da tempo la storia ha parlato ora i fatti!! la Romagna è una regione l'emilia una strada l'emilia-Romagna una violenza storica inaudita a danno di un Popolo!

  • Avatar anonimo di renzo397
    renzo397

    l'unico neo della nostra regione è che si chiama emilia romagna,quell?emilia è di troppo,sarebbe stato meglio regione romagna.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -