Vertice Fao, nella dichiarazione finale nessun impegno finanziario

Vertice Fao, nella dichiarazione finale nessun impegno finanziario

Vertice Fao, nella dichiarazione finale nessun impegno finanziario

ROMA - Cala il sipario sul vertice Fao. I partecipanti hanno approvato per acclamazione una dichiarazione sulla sicurezza alimentare che fissa fra gli obiettivi il dimezzamento della povertà entro il 2015. Non è previsto alcun impegno finanziario, bensì cinque azioni da mettere in campo per combattere la fame per cui si chiede ai governi di assicurare ai Paesi in via di sviluppo i fondi promessi. Tra le priorità quella di investire nei programmi di sviluppo rurale.

 

Altra priorità indicata nei  "5 Principi di Roma" è la necessità di implementare il coordinamento strategico a livello nazionale, regionale e globale per migliorare la governance e promuovere una migliore collocazione delle risorse. Si è richiesto un approccio parallelo che prenda in considerazione un'azione diretta per sradicare la fame nelle popolazioni più vulnerabili e l'adozione di programmi a medio e lungo termine per eliminare le cause di fondo della fame e povertà.

 

La dichiarazione sollecita il rafforzamento della collaborazione tra i vari organismi che si occupano della sicurezza alimentare e, per ultimo, assume l'impegno di vigilare sul fatto che le promesse di aiuti si realizzino in concreto. Nelle righe finali della dichiarazione si afferma anche l'impegno a "continuare a studiare i fondamentali e le buone pratiche per promuovere investimenti responsabili nell'agricoltura internazionale".

 

"Ora c'è da lavorare perchè ogni Paese si assuma questo impegno in modo preciso, con date e modalità, affinchè questi soldi possano andare ad aiutare gli agricoltori, soprattutto i piccoli agricoltori ed implementare la produzione generale nel mondo, ciò che dovremmo fare tutti insieme durante questo Vertice", ha affermato il premier Silvio Berlusconi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -