Vieste, uccisi e bruciati i due fratelli scomparsi

Vieste, uccisi e bruciati i due fratelli scomparsi

Vieste, uccisi e bruciati i due fratelli scomparsi

VIESTE - Sono stati trovati carbonizzati i corpi di Giovanni e Martino Piscopo, i due imprenditori turistici di 51 e 45 anni scomparsi da Vieste il 18 novembre scorso mentre stavano andando a raccogliere olive sul loro motofurgone. I resti sono stati recuperati da carabinieri e uomini del Corpo forestale dello Stato all'interno di un'Alfa Romeo 156 station wagon in località Posta Telegrafo, tra Peschici e Vieste. Entrambi sono stati uccisi da colpi d'arma da fuoco.

 

Quindi sono stati dati alle fiamme. I due fratelli erano amministratori del centro vacanze 'Sfinalicchio', un villaggio a tre stelle nel Gargano. Giovanni era amministratore unico della società mentre il fratello Martino faceva parte del Consiglio di amministrazione. Gli investigatori non escludono l'ipotesi di un rapimento per fini estorsivi. Le indagini sono coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari a causa della "modalità chiaramente mafiose" del delitto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -