Violenza privata, assolto dall'accusa Davide Valpiani

Violenza privata, assolto dall'accusa Davide Valpiani

FORLI’ – Ha collezionato un’assoluzione Davide Valpiani, accusato dalla Procura di Forlì di violenza privata, una delle ipotesi di reato meno rilevanti che pendono ancora sulle sue spalle. Il 43enne forlivese era accusato di aver minacciato la teste di un altro procedimento in cui era indagato per la presunta ricettazione di un assegno. Durante la scorsa udienza era stata ascoltata proprio la donna che ha però negato le intimidazioni che lei stessa aveva denunciato.


La vicenda gira attorno ad un assegno sparito che la donna ha denunciato come rubato, che sarebbe poi finito in mano a Valpiani per poi essere rifiutato da un ricettatore. Questa mattina il gip Rita Chierici (in aula il Procuratore Marcello Branca) ha deciso, con rito abbreviato, per l’assoluzione. Soddisfatto l’avvocato che, da sempre, difende Valpiani, Carlo Alberto Zaina. Il prossimo appuntamento in tribunale, questa volta a Ravenna, è fissato per l’11 gennaio, giorno in cui si discuterà di una questione ben più grave.


Per Davide Valpiani, in carcere a Ravenna per sfruttamento della prostituzione (a cui si sono aggiunte altre condanne), è stata confermata in Cassazione la condanna a tre anni e mezzo per l’abbandono del padre moribondo. Rimane poi l’unico sospettato per l’omicidio di Vincenzo Di Rosa, operaio forlimpopolese 36enne assassinato nella notte del 4 agosto 2005.


All’epoca Valpiani era il compagno della sorella della vittima, beneficiaria di una ricca polizza assicurativa che il fratello aveva stipulato poco prima dell’omicidio. E di quest’assicurazione Valpiani era a conoscenza. Il cadavere di Di Rosa fu trovato in via Ficocle a Pinarella, ucciso con un colpo di revolver alla testa.


Per il prossimo 11 gennaio è attesa la discussione sulla richiesta di rinvio a giudizio presentata dal sostituto procuratore Cavallari. A decidere sarà il Gup di Ravenna, Cecilia Calandra che ha già fissato anche altre due date, per il 18 e 25 gennaio. Si prospetta, quindi, un lungo dibattito.


lisa tormena


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -