Volontari ospedalieri cercasi, corsi di formazione Avo

Volontari ospedalieri cercasi, corsi di formazione Avo

Volontari ospedalieri cercasi, corsi di formazione Avo

Sarà un ottobre ricco di iniziative per Avo, l'Associazione Volontari Ospedalieri, di Forlì. Giovedì 7 ottobre partirà, infatti, il 18° corso "Una flebo d'amore, edizione 2010", diretto a formare chi desidera regalare conforto e un sorriso a quanti sono ricoverati in ospedale. Domenica 24 ottobre, invece, il sodalizio celebrerà, insieme alle altre 237 sezioni presenti in tutto il paese, la seconda giornata nazionale del volontario Avo, con spettacoli e iniziative in piazze e nosocomi d'Italia.

 

Due i testimonial d'eccezione di quest'edizione, Antonio Rossi e Fiona May, che porteranno a tutti lo slogan "Aiutare ci unisce". In tale occasione, l'Avo di Forlì organizzerà, venerdì 22 ottobre, alle ore 20.45, al teatro Verdi di Forlimpopoli, una serata con rappresentazione della Cumpagni d'la Zercia e musiche del violino di Vlad e Tedi (ingresso a offerta libera). Inoltre, sarà questo il momento per festeggiare il decennale di servizio di numerosi volontari.

 

A Forlì, l'Avo è attiva dal 1994, e conta oggi circa 170 volontari che operano all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì, nell'ospedale di Forlimpopoli, nella casa di riposo "Pellegrino Artusi di Forlimpopoli" e "Davide Drudi" di Meldola, e, da circa un anno, anche presso la Casa di Cura "Villa Serena". Chi fosse intenzionato a impegnarsi concretamente nell'associazione può approfittare del corso di formazione, completamente gratuito, in programma dal 7 al 28 ottobre ottobre nella sala Avis di via della Torre.

 

In totale, sono previsti 7 appuntamenti, tutti con inizio alle 20.30, nelle giornate di lunedì e giovedì. Ciascuno sarà dedicato a un tema specifico: si partirà presentando storia e valori dell'associazione, a cura del presidente Gianluca Brazzini, per proseguire con "Il contesto del servizio" (lunedì 11), "I diversi punti della sofferenza umana" (giovedì 14), "Le motivazioni della scelta Avo" (lunedì 18), "Cenni di comunicazione ed empatia" (giovedì 21), e "La relazione d'aiuto" (lunedì 25). L'ultima serata, giovedì 28, verrà riservata alle "Testimonianze vere" dei volontari Avo, con spazio per domande e risposte. Al termine del corso, ci sarà un colloquio di ingresso, quindi, affiancato da volontari veterani, chi lo vorrà potrà portare il proprio contributo a quanti si trovano su un letto d'ospedale. Missione dell'Avo è, infatti, cercare di alleviare il disagio arrecato dalla malattia e migliorare il livello qualitativo della degenza. E' per questo che gli iscritti Avo effettuano anche un prezioso servizio di accoglienza, indirizzando e accompagnando i pazienti nei vari ambulatori e day-hospital presenti nelle strutture sanitarie in cui operano. Coloro che desiderassero maggiori informazioni e/o fossero intenzionati a prendere parte al corso, possono contattare direttamente il presidente di Avo Brazzini (cell. 347/4967399) oppure Assiprov (tel. 0543/36327).

 

A livello nazionale, l'Avo può contare su circa 30mila volontari, distribuiti in 237 sedi presenti in tutta Italia. L'associazione è nata nel 1975, a Milano, per merito del professor Erminio Longhi, e ha festeggiato nel 2000 il 25° anniversario di attività a Lourdes.

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -