Wind Jet lascia Forlì, il sindaco: "Sospendiamo tutte le politiche di area vasta"

Wind Jet lascia Forlì, il sindaco: "Sospendiamo tutte le politiche di area vasta"

Wind Jet lascia Forlì, il sindaco: "Sospendiamo tutte le politiche di area vasta"

FORLI' - Il passaggio della compagnia aerea Wind Jet dal Ridolfi di Forlì al Fellini di Rimini è ormai una certezza. Lo si evince nelle parole durissime con cui il sindaco di Forlì Roberto Balzani ne ha parlato in Consiglio Comunale. Balzani, infatti, ha parlato di "conclusione dell'accordo tra Rimini e Wind Jet". Balzani ha quindi parlato chiaro e tondo di "sconfitta non solo dei forlivesi, ma della Regione e del Presidente della Giunta regionale Vasco Errani".

 

Lo 'scippo' della compagnia aerea, infatti, è stato definito da Balzani "negativo ed enorme" e "un autentico colpo di mano che non ci aspettavamo". Il primo smacco, per Balzani, è proprio per Errani e l'assessore regionale ai Trasporti Alfredo Peri, "che si erano detti a favore di un sistema regionale che garantisse la sopravvivenza a tutte le piste, e che avevano dimostrato di credere a questo progetto".

 

Parole dure anche per gli amministratori pubblici di Rimini, che accetteranno di pagare a prezzo ulteriormente maggiorato una compagnia aerea che già a Forlì era molto costosa: "Questa strategia dei territori che si cannibalizzano dimostra l'immaturità delle classi dirigenti. Noi ci ribelliamo a questo municipalismo che danneggia tutti, a questo vecchio modo di governare. Andremo a spiegare ai cittadini, non solo forlivesi, che questa classe dirigente fa in gran parte schifo".

 

Parole di fuoco, in particolare, per i vertici regionali, da parte del sindaco di Forlì: "E' inaccettabile che l'abbia saputo da un giornale, mentre sia l'assessore Peri che il presidente della Seaf Franco Rusticali sapevano tutto quanto. E' il capolinea di un rapporto fiduciario". Quindi la ritorsione: "Non andremo avanti su tutti i temi di area vasta, in sanità, trasporti, Hera e Romagna Acque, finché non avremo capito se noi siamo solo portatori d'acqua oppure se c'è un progetto che non sia una barzelletta o propaganda elettorale da rimettere nel cassetto dopo le elezioni. Metterò nero su bianco questa nostra indisponibilità a proseguire su tutti i temi di area vasta". Tutti i capigruppo, negli interventi dopo la comunicazione del sindaco, si sono detti d'accordo con questa strategia.

 

Nel clima incandescente di lunedì la Regione ha annunciato che sulla vicenda del sistema aeroportuale in Romagna, l'assessore  ai Trasporti Alfredo Peri incontrerà mercoledì 24 novembre in Regione i sindaci di Forlì e di Rimini e i presidenti delle rispettive Province.

Commenti (22)

  • Avatar anonimo di DanieleB
    DanieleB

    REGIONE ROMAGNA, non esisterà mai e da queste vicende, e dai commenti si evince in modo palese. La Seaf, in un ottica di riduzione del disavanzo, tratta con Windjet per ridurre, in termini economici , gli oneri che gravano sullo scalo forlivese, Windjet (nel libero mercato) trova chi gli offre o come Seaf adesso o adirittura di più. Rimini vuole farci credere che il tutto è dovuto all'appetibilità turistiche che offre, e si un palermitano infatti non va alla spiaggia di Mondello, no preferisce pagare un volo e stendersi ad ammirare il mare in spiaiggia a Rimini idem un catanese (perchè andare a Taormina se si puà andare a Rimini!!). Ma chi volete prendere in giro?? Io credo che la Seaf in qualche modo, visto è in corso una gara di privatizzazione ritiene che lo scalo di Forlì sia più appetibile senza contratti onerosi sulle spalle (e in quest'ottica no ha tutti i torti) e non si prodiga più di tanto per mantenere windjet. Rimini invece con una mano offre collaborazione e con l'altra lo mette in quel posto a Forlì. Bravo Balzani a sbattere i pugni sul tavolo, sperando che serva a qualcosa...

  • Avatar anonimo di rob
    rob

    Non esiste alcun scippo la compagnia sarebbe andata via con la riduzione di 3 milioni e passa di contributi, cosa si pensa che stanno tutti li a fare la fila per entrare nell'aeroporto di forli, di rimini, di ancona, di brescia montichiari ecc.ecc.?

  • Avatar anonimo di rob
    rob

    I commenti che leggo sono incredibili; non gliene fotte a nessuno se wind jet va via, perche comunque sarebbe andata via con la riduzione di + di 3 milioni di euro di compensi e lo sa qualcune rivista professionale o forum competente in materia. Se va da tutte le parti va bene purche non a rimini. Il punto è questo, invece d'altra parte se l'aeroporto di forli cerca di accapparrarsi i vettori russi quello è tutto lecito e rientra nei giochi. Come ho già scritto nel territorio della provincia di rimini non esiste un solo presidio di area vasta (vedi forli, cesena, ravenna, ecc.ecc.). L'aeroporto di forli vuole fare una privatizzazione con un privato che avrà la maggioranza e contemporaneamente fare una fusione con rimini? si vogliono scaricare tutti i costi sugli altri? Non penso si debba ragionare cosi alla boia ma considerando un serio piano industriale e dal di li ripartire e non con la spartizione territoriale delle competenze in base a che logica non si sa. Bisognerebbe che qualcuno si guardi nello specchio invece di lanciare accuse.

  • Avatar anonimo di Alan F
    Alan F

    Quanto stupore e rumore signori per una storia che da anni aveva il suo finale già scritto. L'aeroporto di Forlì è una struttura inappetibile per una compagnia aerea privata che ha come suo scopo ultimo quello di fare utili, non quello di difendere i campanilismi locali; mi sembra normale che prima Ryanair ed ora Windjet vadano dove prendono più soldi, d'altronde abbiamo voluto il mercato libero e adesso ce lo teniamo (troppo facile evocarlo solo quando fa comodo). Chi vola su Forlì prende poi un treno o un bus per Bologna o per la riviera ed è più che normale che in questa ottica il Fellini e il Marconi lavorino di più. Il Ridolfi è una malto terminale tenuto in vita artificialmente da soldi pubblici da 6 anni a questa parte ed oggi gestito da un ex cardiologo; è ora di voltare pagina e dedicare la nostra attenzione e i soldi pubblici ad altro (come ad esempio gli asili che chiudono perchè non ce la fanno più https://www.romagnaoggi.it/forli/2010/11/17/178053/)

  • Avatar anonimo di dalgisa d.r.
    dalgisa d.r.

    Basterebbe chiedere dove sono stati spesi i 12 milioni di euro che APT (che ha sede a Rimini) riceve dalla Regione ogni anno... Questi sono soldi pubblici: si può sapere in quali progetti di promozione sono stati spesi negli ultimi 5 anni? Va a finire che ora a Rimini non bastano più quelli, e ora usano anche i soldi riciclati a S.Marino!!! ...si fa presto a vincere giocando sporco, con la Regione che ti tiene bordone! Non sono del PD quelli della "trasparenza", della "governance", della "concertazione" e della "democrazia"??? Va pu là....

  • Avatar anonimo di caputese
    caputese

    Stiamo raggiungiendo il limite massimo. Forlì sta perdendo pezzi e sta mettendo in mostra l'incapacità degli uomini scelti dal pd di amministrare. Alle prossime elezioni prevedo una ulteriore perdità di voti, nonostante "dall'altra parte" ci sia il nulla politico, sostenuto in gran parte dalla demagogia leghista. Per quanto mi riguarda posso assicurare che non farò croci sul simbolo del pd per un bel pezzo.

  • Avatar anonimo di Homer
    Homer

    Scusate se non capisco una cosa. Windjet a Forli è andata perchè gli è stato offerto un contratto molto vantaggioso. Infatti la società di gestione dell'aeroporto pagava tutti i posti invenduti dei voli della compagnia. Questo è in gran parte causa dell'enorme deficit accumulato dallo scalo. Ora, alla luce della decisione di ridiscutere la convenzione per renderla meno onerosa per lo scalo di Forli, Windjet decide di spostarsi da un migliore offerente (ovviamente Rimini visto che Bologna ha già Ryanair). Ma ai privati prossimi (speriamo) gestori dello scalo non va meglio un aeroporto svincolato da contratti così onerosi? Lo chiedo sinceramente perchè non lo so. Non essendo un cardiologo non conosco la materia aeroportuale.

  • Avatar anonimo di Caplaz
    Caplaz

    La gestione del Ridolfi si potrebbe risanare in buona parte, applicando tariffe doifferenziate sull'acqua che proviene da Ridracoli, altra opera "rossa" per antonomasia della nostra regione. Bene, facendo 100 il costo di 1 metro cubo di questo prezioso e puro liquido tutto nostro..alla riviera (alberghi, pensioni, campeggi, aziende varie e bagni sulla spiaggia) facciamo pagare 70, mentre alle province e comuni restanti non del litorale 30.Vedrete come si recupera danaro fresco in fretta! In fondo sarebbe anche un'operazione di giustizia civile, in quanto su tutta la riviera l'acqua che proviene è tutta di Ridrocoli, mentre nel resto della sub regione Romagna, arriva tagliata con percentuali, quando va bene al 50% ,sennò al 30% e 70% dai pozzi ed invasi di pianura, come a Ravenna. Arianna Bocchini, che dirige" la grande muraglia tosco romagnola",forse questo non lo sa! Allora si documenti. Parola di Caplaz

  • Avatar anonimo di mlk74
    mlk74

    eccoci...e per il nostro caro Sindaco la colpa è sempre di altri, questa volta della regione...ma basta signor Sindaco...si assuma le sue responsabilità...essere sindaco non vuol dire solamente celebrere matrimoni e mettersi il tricolore per qualche festa mondana...Basta signor Sindaco...per forli' non ha fatto ancora nulla...Signor sindaco è solamente pronto ad attaccare gli altri per difendere la sua posizione...ma almeno prenda una posizione ben chiara. a Forli' serve l'aereoporto?...se è si allora si deve combattere per cercare di farlo funzionare meglio che si può..e non prendersi i meriti quando ci sono e scaricare i problemi alla regione oppure a Confindustria... a forli' non serve l'aereoporto?...allora lo si deve chiudere e progettare qualcosa per i forlivesi.. Sindaco...si faccia vedere, si faccia sentire,...altrimenti alle prossime elezioni non si presenti nemmeno...di burattini in mano al Burattinaio non ne vogliamo più...

  • Avatar anonimo di L'uomo qualunque
    L'uomo qualunque

    Direi che è molto meglio ERRANI+RUSTICALI=FALLIMENTO (per Forlì) Balzani ha l'unica colpa di essersi prestato, per ora ed in minima parte, ai giochetti di questo branco di mercanti che, da troppi anni, svendono Forlì ed i suoi interessi a favore di qualsiasi altra realtà della Romagna, fingendo poi di dolersene e di dover gestire, ogni volta, eventi ineluttabili ed utili al bene comune della regione. Eppure sono convinto che, prima o poi, saremo liberati da tutto questo, in fondo se è crollato il Muro di Berlino, se è caduta l'URSS, se ogni satrapia e tirannide creata dall'uomo è destinata a terminare, un giorno cadranno anche costoro ed allora si che ne vedremo di pattume che trabocca da cassetti, armadi e palazzi, altro che a Napoli. Speriamo solo di non dovere attendere troppo, ma visti i recenti sviluppi credo che non servirà molto tempo. Altrimenti sarà pur necessario, come cittadini, fare qualcosa?

  • Avatar anonimo di giampi
    giampi

    Per l'ennesima volta quando Forlì comincia a dare fastidio ai poteri forti viene penalizzata. In ogni caso ancora una volta la Romagna si distingue per l'asoluta incapacità a fare sistema. Mi chiedo dove i soci pubblici di Aeradria trovano i soldi per offire un contratto 5 volte superiore a quello rinegoziato da Windjet e Seaf (così dicono i quotidiani)

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Io resto davvero basito. Pur non essendone un grande estimatore (sono sincero) il PD già DS già PDS già PCI ha sempre brillato per una disciplina interna ferrea. Cero, magari gruppi facenti parte a tizio o a caio ci sono sempre stati, ma poi alla fine un Capo decideva, la decisione era quella. Da noi il Capo è Errani, e Bologna. Questa corsa a prostituirsi da Windjet, a chi paga di più per vendersi fra Forlì e Rimini è indecente. Non solo uno spreco di danaro pubblico che di fatto ingrassa solo il vettore privato, vinca chi vinca, ma anche una leadership bolognese che delle due l'una: 1) O non è più in grado di guidare i sottoposti, soprattutto i più miseri (noi romagnoli) 2) O lo fa apposta perchè le province di romagna si ammazzino l'un l'atra in una guerra fra poveri, che in fin dei conti fa felice i bolognesi mandando a carte 48 ogni idea di regione. Nell'uno come nell'altro caso mi sembra una gestione censurabile a tutti i livelli. Inadeguata per una classe dirigente che, come ho già detto, pur non riscuotendo le mie simpatie politiche ha sempre avuto (onore al merito) punte di eccellenza nel panorama italiano. Noto che i commenti 9 e 10 sono stati segnalati. Evidentemente c'è qualcuno che ancora non capisce come funziona uno spazio di discussione pubblico come questo. Me ne rammarico.

  • Avatar anonimo di Ramba
    Ramba

    Siamo davvero al ridicolo, possibile che vadano in malora decine di milioni di euro dei contribuenti per l'incapacità di chi governa. Errani, Bulbi, Balzani e Rusticali si devono dimettere ma non corriamo troppo prima del campo di patate vediamo se Aprigliano col suo progetto VOLARE risolve le sorti dell'aeroporto!!!!!

  • Avatar anonimo di ##Davide##
    ##Davide##

    Se ci fosse qualcuno coi coglioni, da domani l'acqua per i riminesi costerebbe il quadruplo e ripianeremmo i debiti di aeroporto & compagnia.... E quest'estate si farebbero la doccia con la sabbia.... E l'acqua cmq gli dovrebbe costare di più a prescindere, visto che se d'estate la diga va troppo giù, quelli che devono bere dai pozzi siamo noi di forlì...

  • Avatar anonimo di corso.rossi
    corso.rossi

    basta con le arre vaste che ci penalizzano: non votiamo piu' PD ci sta vendendo a tutti Basta SIAMO STUFI DI BALZANI BULBI RUSTICALI E COMPAGNI BASTA BASTA BASTA

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    Rusticali ha veramente rotto, non so a quale gioco stia giocando ma sto aeroporto lo sta facendo fallire, è ora di fare una bella pulizia di questo vecchiume politico. Politicamente è una situazione molto difficile che avvantaggia soggetti come lega&c, e dire che quest'ultima amministrazione stava agendo bene ma gli strascichi della Masini,Rustical e la vecchia partitocrazia non si possono cancellare, e si stanno facendo sentire pesantemente. Sicuramente ora bisogna andarci giù duro, puntare i piedi sia in regione che con i vicini.

  • Avatar anonimo di re nudo
    re nudo

    chri - 22/11/10 - 18.17 Balzani + Rusticali = FALLIMENTO un commento articolato, argomentato: una vera perla. Non c'è che dire, se ne sentiva proprio la mancanza...

  • Avatar anonimo di Ludo
    Ludo

    ognuno guarda al proprio orticello invece di mirare ad attuare un progetto unico più grande...così non si va da nessuna parte, a prescindere dai fondi.

  • Avatar anonimo di pisa
    pisa

    E speriamo sia vero. Anche perché il prossimo attacco al fortino sta già avvenendo in direzione ospedale. Aeroporto, ospedale, fiera, università e poi cosa altro farà gola alle altre sorellastre? Te pensa un pò che vogliono fare la Romagna unita, che pena! Facciamo quadrato ora e mi riferisco anche e soprattutto ai tromboni del politburo che al momento mi pare che di aiuti al sindaco ne abbiano dati ben pochi. Sono amareggiato e lo ammetto anche un pò frustrato da questa situazione assurda. Sveglia Forlì, sveglia !!

  • Avatar anonimo di birillo
    birillo

    Balzani, ma cosa vuoi non appoggiare più l'area vasta !!! Ormai ci hanno portato via tutto. Cosa perderà la prossima volta Forlì ? Io lo so: se le cose vano avanti così, la provincia, e non sarebbe, poi, un male ! Meglio farci governare da altri !

  • Avatar anonimo di schietto
    schietto

    Mmmh, devo ancora capire chi ha fatto l'affare peggiore: i forlivesi che si trovano un aeroporto in profondo rosso e tra un poco senza aerei, oppure i riminesi che vanno a strapagare ancora di più una compagnia aerea che già era costosissima per i forlivesi... entrambe le cose finiranno dritte dritte nelle tasche dei forlivesi (la prima) e dei riminesi (la seconda). Un successone per tutti, non c'è che dire.

  • Avatar anonimo di chri
    chri

    Balzani + Rusticali = FALLIMENTO

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -