Yara Gambirasio, fu vista uscire dalla porta principale del palasport

Yara Gambirasio, fu vista uscire dalla porta principale del palasport

Yara Gambirasio, fu vista uscire dalla porta principale del palasport

BERGAMO - Due settimane senza "elementi concreti". Continuano senza sosta le ricerche di Yara Gambirasio, la promessa della ginnastica artistica scomparsa il 26 novembre scorso da Brembate di Sopra (Bergamo). Le ricerche sono mirate nella zona di Brembate perché non si vuole lasciare nulla d'intentato, ha spiegato il procuratore aggiunto Massimo Meroni nel corso di una conferenza stampa, ma la ragazza non si esclude che potrebbe trovarsi anche lontano.

 

Intanto continua l'analisi del traffico telefonico delle celle a cui il telefonino della 13enne si è collegato il 26 novembre, prima di esser spento. Intanto l'istruttrice di Yara avrebbe confermato che la ragazzina quella sera, intorno alle 18.30, sarebbe stata uscita dal palasport (dove la giovane si era recata per portare uno stereo) dalla porta principale. Nei giorni scorsi era stata presa in considerazione l'ipotesi che Yara fosse uscita da una porta laterale.

 

A suffragare questa eventualità erano stati i cani "molecolari" che avevano fiutato tracce della ragazzina in un'area laterale della struttura. La versione dell'insegnante sarebbe stata confermata anche da altre testimonianze, come hanno confermato gli inquirenti. Sembra quindi perdere consistenza l'ipotesi della porta laterale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -