Zuccherificio Russi, Cgil: �Ora ministero passi ai fatti�

Zuccherificio Russi, Cgil: “Ora ministero passi ai fatti”

Zuccherificio Russi, Cgil: �Ora ministero passi ai fatti�

RAVENNA - Il taglio dei fondi ministeriali mette a rischio anche lo zuccherificio di Russi, nel ravennate. A lanciare l'allarme è la Cgil all'indomani della manifestazione di lunedì davanti al ministero delle Politiche agricole a Roma deilavoratori dello zucchero indetta da Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil per protestare contro il mancato stanziamento degli 86 milioni di euro necessari alla riconversione dei 15 ex zuccherifici dismessi a seguito della riforma europea dell'Ocm

 

La manifestazione, informa il sindacato, ha prodotto l'impegno del ministero ad inserire tali risorse all'interno del dl incentivi, che sara' discusso nella pre-riunione del Consiglio dei ministri che si terra' il 18 febbraio. Per le 15 dello stesso giorno il ministro Luca Zaia ha, quindi, convocato un incontro con le organizzazioni sindacali di categoria durante il quale comunichera' le decisioni assunte dal Cdm per il settore bieticolo-saccarifero.

 

È stato convocato, inoltre, per il prossimo 24 febbraio il tavolo interministeriale che dovra'

affrontare e sciogliere il nodo delle riconversioni degli zuccherifici dismessi. "La questione dei finanziamenti per il settore dello zucchero- spiega Andrea Marchetti della Flai Cgil di Ravenna- riguarda da vicino anche gli oltre settanta lavoratori complessivamente impegnati nello stabilimento di Russi. Il mancato rispetto degli impegni da parte del Governo rischia infatti di mettere in ginocchio l'attivita' dei quattro siti produttivi italiani rimasti e cio' avrebbe dirette conseguenze anche sugli impianti di confezionamento e di spedizione, compreso quello di Russi".

 

Il "100% dei dipendenti dello stabilimento di Russi ha aderito allo sciopero e un pullman di lavoratori si e' recato a Roma per partecipare alla manifestazione del 15 febbraio. Si tratta del terzo sciopero in poco piu' di due mesi, ma se il Governo non garantira' le risorse promesse, sindacati e lavoratori sono pronti a proseguire nelle iniziative di lotta".

 

Le parole di Marchetti seguono le dichiarazioni del segretario nazionale della Flai Cgil Ettore Ronconi: "Gli impegni assunti dal ministero sono importanti, sebbene siano parziali e ancora tutti da verificare nella loro fattibilita'. È per questo che seguiremo con molta attenzione l'evolversi della questione, pronti a convocare nuovamente altre iniziative di lotta qualora il governo dovesse rimangiarsi la parola data a quei lavoratori che per ore hanno manifestato con determinazione e con forte senso di responsabilita' sotto il Mipaaf", chiude Ronconi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -