ZUCCHERO - Assessore regionale Rabboni chiede cambiamento della proposta Ue

ZUCCHERO - Assessore regionale Rabboni chiede cambiamento della proposta Ue

BOLOGNA - La proposta della Commissione Agricola europea di indennizzare con un significativo contributo economico gli agricoltori che "volontariamente" rinnunceranno alla coltivazione della barbabietola da zucchero, fino a raggiungere una riduzione ulteriore del 10% della quota italiana di produzione dello zucchero, rischia di mettere in serie difficoltà ciò che è rimasto del comparto bieticolo - saccarifero nazionale. Il settore italiano, diversamente dal resto d'Europa, è già stato al centro di una pesantissima ristrutturazione che, a partire dalla riforma dell'Organizzazione comune di mercato decisa a fine 2005, ha portato alla chiusura di 13 stabilimenti sui 19 in attività nel nostro Paese e ad una fortissima riduzione della superficie investita a barbabietola, una coltura che ha sempre fornito buoni risultati economici per gli agricoltori.


L'Emilia Romagna ha pagato il prezzo più elevato: dei 9 stabilimenti in attività fino al 2005 ne sono rimasti aperti tre ed uno di questi, quello di Pontelagoscuro nel ferrarese, è, come è noto, destinato ad essere chiuso e riconvertito al termine dell'imminente campagna estiva. Il futuro della bieticoltura regionale è per tanto legato al prosieguo dell'attività degli stabilimenti di Minerbio (BO) e di S.Quirico (PR). Entrambi questi impianti hanno avviato un programma di miglioramento competitivo basato sia su adeguamenti organizzativi e produttivi interni e sia sulla ottimizzazione del bacino bieticolo di riferimento allo scopo di garantirsi quantità e qualità adeguata di prodotto. E'evidente che una ulteriore riduzione del 10% della produzione bieticola prevista metterebbe in seria difficoltà gli impianti, il loro utilizzo, i costi industriali di produzione e dunque la possibilità di continuare a fare bieticoltura degli altri agricoltori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"Chiediamo che la Commissione europea cambi la proposta per l'Italia. - ha dichiarato l'Assessore regionale all'Agricoltura Tiberio Rabboni - Siamo l'unico Paese ad avere abbondantemente dimezzato la produzione. Ora ci devono lasciare la possibilità di decidere in autonomia se applicare questa ulteriore riduzione e come farlo, visto che un'ulteriore chiusura di zuccherificio è, purtroppo, già annunciata per la fine dell'anno, con inevitabili riduzioni di superfici coltivate. E' una richiesta condivisa dalla associazioni bieticole, dagli industriali e dai sindacati dei lavoratori dell'Emilia Romagna. Contiamo sulla capacità negoziale del Ministro De Castro e sul sostegno dei parlamentari europei a cui abbiamo scritto nei giorni scorsi per sollecitare una coerente presa di posizione"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -