Aviaria, 17 milioni per i danni indiretti agli allevamenti: risarcimenti entro il 30 settembre

Gli indennizzi verranno concessi per i danni indiretti subiti nel periodo compreso tra il 14 agosto 2013 (data di inizio dell’epidemia) e il 30 giugno scorso, quando sono terminate le misure di limitazione della movimentazione

In arrivo nuove risorse per le aziende avicole dell’Emilia-Romagna colpite dagli effetti dell’influenza aviaria  che ha interessato l’Emilia Romagna tra il 14 agosto e il 5 settembre 2013. Si tratta di oltre 17 milioni di euro, ai quali ha dato il via libera la Conferenza Stato-Regioni di giovedì. Il decreto ministeriale (in attuazione del regolamento Ue  1071 del 2014) riguarda i cosiddetti danni indiretti, legati alla mancata movimentazione e dunque commercializzazione degli animali e delle uova, in seguito alle misure di tipo sanitario adottate sul territorio regionale per fronteggiare il virus H7N7.

“Si tratta di un risultato importante e non scontato per il quale questa Regione si è impegnata  con forza. Queste risorse – spiega l’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni - si aggiungono a quelle già  interamente liquidate dalla Regione per i danni diretti:  quasi 9 milioni 500 mila euro, che sono andati a 17 allevamenti  delle province di Ravenna, Ferrara e Bologna  nei quali, nei giorni dell’epidemia, furono  abbattuti  animali o distrutti  uova e mangimi  a causa delle presenza di un focolaio e in via preventiva”.

I 17 milioni 529 mila euro saranno interamente liquidati agli allevatori entro il 30 settembre 2015. Termini e modalità per la richiesta dell’indennizzo verranno a breve definiti da Agrea (l’ente pagatore della Regione Emilia-Romagna) attraverso una circolare.  Sarà infatti proprio Agrea l’organismo cui dovrà essere inviata la domanda di indennizzo. Le risorse sono stanziate al 50% dello Stato e al 50% dalla Ue.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potranno presentare domanda le imprese produttrici di uova da cova e pulcini; gli allevamenti di pollo, faraona, anatra, gallina ovaiola, pollastra, pulcino, tacchino; i centri di imballaggio delle uova. Gli indennizzi verranno  concessi per i danni indiretti subiti nel periodo compreso tra il 14 agosto 2013 (data di inizio dell’epidemia) e il 30 giugno scorso, quando sono terminate le misure di limitazione della movimentazione. Oltre all’Emilia-Romagna il provvedimento interessa, sia pur in misura minore, il territorio della Regione Vento.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -