Alitalia, Berlusconi fa i nomi della cordata: ma piovono le smentite

Alitalia, Berlusconi fa i nomi della cordata: ma piovono le smentite

ROMA - Il gruppo Benetton, l’Eni, il gruppo Ligresti, Mediobanca: sono alcuni dei nomi che Silvio Berlusconi avrebbe fatto al quotidiano “La stampa” in un intervista sulla presunta cordata italiana pronta a salvare Alitalia. Ma non appena hanno cominciato a fioccare le smentite, a partire da quelle di Mediobanca ed Eni, è stato lo stesso Berlusconi a dire che “nomi che sono apparsi sui giornali sono indiscrezioni o supposizioni da parte giornalistica".


Queste indiscrescioni di stampa hanno fatto ancora una volta schizzare verso l’alto le quotazioni del titolo Alitalia in borsa a Milano, dove la compagnia di bandiera ha toccato anche quota 0,626 euro. Alitalia è stata anche sospesa per eccesso di rialzo quando stava guadagnando il 12,59%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che le indiscrezioni fossero poco credibili nel mondo finanziario, lo dimostra lo scarso movimento delle società che sarebbero coinvolte nella presunta cordata. Mediobanca ed Eni guadagnano rispettivamente lo 0,62% e lo 0,79%, meno dell'indice, Fondiaria Sai ha guadagnato oltre il 2%, ma la holding del gruppo, la Permafin, è rimasta invariata.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -