Alitalia sull'orlo del crack: altra giornata campale per la trattativa

Alitalia sull'orlo del crack: altra giornata campale per la trattativa

Alitalia sull'orlo del crack: altra giornata campale per la trattativa

Si doveva chiudere giovedì, secondo quato aveva promesso il ministro del Welfare Maurizio Saaconi e secondo l'ultimatum lanciato dal commissario straordinario Augusto Fantozzi; e invece la trattativa per il salvataggio di Alitalia va avanti anche domenica, probabilmente fino a notte fonda, per la lontananza delle proposte avanzate dalla Cai (la nuova compagnia privata che dovrebbe prendere in mano il vettore italiano) e i sindacati. Intanto proseguono i sit-in dei lavoratori.

 

In via Fornovo 19 a Roma, sede del ministero del Lavoro, è imponente il dispiegamento di forze dell'ordine, per paura che la rabbia dei manifestanti possa sfociare in reazioni incontrollate. "vergogna, il contratto non si tocca" è stato il grido unanime lanciato da piloti, assistenti di volo, hostess e steward accalcati all'ingresso del ministero all'arrivo del commissario Augusto Fantozzi.

 

A trattare con le parti sono restati a Roma il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, e quello dei Trasporti, Altero Matteoli, mentre il premier Berlusconi dopo la riunione con i sindacati di sabato sera ha lasciato la capitale e si è trasferito in Sardegna, da dove si fa sapere che il Cavaliere segue costantemente l'andamento delle trattative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -