Borse a picco: sprofondano Tokyo e New York, male Milano

Borse a picco: sprofondano Tokyo e New York, male Milano

Borse a picco: sprofondano Tokyo e New York, male Milano

Tornano le fibrillazioni sui mercati finanziari mondiali. Tokyo fa segnare un nuovo ko, chiudendo le contrattazioni con un -11,41%, a seguito del ribasso fatto segnare ieri da New York con l'indice Nasdaq a -8,47% e il Dj a -7,87%. Andamento negativo anche per le altre principali piazze in chiusura: Hong Kong segna -8,32%, Seul -9,44%, Jakarta -4,96%, Kuala Lumpur -3,82%, Thailandia -4,71%, Taiwan -3,25%. Apertura negativa a Milano: Mibtel -4,44%, Spmib -4,90%, Midex -4,17%.

 

"Attenzione alle opa ostili".  "Nei prossimi giorni sara' varata la norma" per contrastare le opa ostili in Italia. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in conferenza stampa a Bruxelles a margine del Consiglio europeo.

 

Berlusconi è sereno. "Noi dobbiamo essere sereni perche' da un lato siamo stati i primi a reagire nel modo giusto. A Napoli ho garantito che non avremmo fatto fallire nessuna banca e che la solidita' del sistema finanziario era garantita". A sottolinearlo e' stato il premier Silvio Berlusconi, a margine del Consiglio europeo a Bruxelles, ricordando che le banche italiane "hanno operato con maggior prudenza" rispetto a quelle di altri paesi Ue. E che vi e' stato "un solo caso con una banca acquisita all'estero", ha detto. Il premier ha poi parlato dell'applicazione flessibile delle norme sugli aiuti di stato da parte della Commissione europea, per consentire ai governi di salvare le banche senza essere sanzionati. "Prima gli aiuti erano visti come un peccato mortale, ora sono considerati indispensabili".

 

"No ai paradisi fiscali". "I paradisi fiscali sono illegali, noi siamo assolutamente contrari". Cosi' il premier Silvio Berlusconi si scaglia contro i centri off-shore, criticati anche dal presidente francese Nicolas Sarkozy per le difficolta' che creano al coordinamento Ue necessario per affrontare la crisi finanziaria. "Noi siamo in pista contro l'evasione fiscale", ha aggiunto Berlusconi in conferenza stampa a margine del consiglio europeo a Bruxelles, a causa della quale nelle casse del Tesoro entrano "100 mld in meno". Attraverso la lotta all'evasione "noi speriamo di potere abbassare le tasse per tutti". Da parte sua il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ha sottolineato che: "il problema piu' grande sono i paradisi fiscali legali, dove regna il caos e l'anomia".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tremonti lancia una "Bretton Woods" italiana. "L'idea di una nuova 'Bretton Woods' e' riconosciuta come idea italiana". Cosi' il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, parlando accanto al premier Silvio Berlusconi, a margine del vertice europeo a Bruxelles, ha rivendicato la partenita' italiana del nuovo piano per riformare il sistema finanziario globale. "Era pianificato nella logica del G8 -ha detto- la crisi ha fortemente anticipato tempi e forme".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -