Conti pubblici, allarme dell'Ue: l'Italia dovrà consolidare il bilancio

Conti pubblici, allarme dell'Ue: l'Italia dovrà consolidare il bilancio

Conti pubblici, allarme dell'Ue: l'Italia dovrà consolidare il bilancio

BRUXELLES - L'Italia dovrà consolidare il bilancio non appena sarà partita la ripresa, perchè il debito rischia di schizzare troppo in alto. E' il monito lanciato dalla Commissione Europea in una Comunicazione "sulla sostenibilità a lungo termine del finanze pubbliche per un'economia in recupero". La situazione dei conti pubblici è "insostenibile" anche in Francia, Ungheria, Polonia e Portogallo anche senza considerare eventuali incrementi della spesa per le pensioni.

 

La Commissione ha evidenziato come in Italia sia "indispensabile", una volta intrapresa la strada della ripresa, procedere ad una "rapina" azione di risanamento per "garantire una stabile riduzione del suo molto alto livello di indebitamento", destinato a raggiungere nel 2010 il 116%, un tetto mai toccato dalla nascita dell'euro.

 

Per Francia, Italia, Ungheria, Polonia e Portogallo, si legge ancora nel documento di Bruxelles, a determinare la "insostenibilità" della politiche fiscali di questi Paesi sono le "condizioni di partenza" dei loro conti. In tutti e cinque, si legga ancora nel documento, "la crisi e il sostegno alla ripresa stanno conducendo a un incremento molto veloce" del rapporto debito-Pil, "compensando rapidamente i progressi raggiunti negli ultimi anni» sul fronte del risanamento dei conti".

 

"Poiché le risorse pubbliche sono scarse - scrive ancora Bruxelles nel rapporto - è indispensabile un aumento nella qualità delle finanze pubbliche". Ecco la ricetta: "modernizzare i servizi pubblici e ridurre la spesa non produttiva aiuta ad arginare l'aumento del debito, libera risorse per investire in aree che danno slancio alla crescita, come l'istruzione, la ricerca e l'innovazione, e ad altri obiettivi (sociali, ambientali, sanità), e rafforza gli incentivi per l'innalzamento della capacità produttiva dell'economia".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -