Conti pubblici, l'Europa promuove Prodi: "Ma l'allarme resta"

Conti pubblici, l'Europa promuove Prodi: "Ma l'allarme resta"

Il risanamento dei conti pubblici vada avanti. E' l'invito che arriva dall'Unione europea. Bruxelles ha deciso di premiare la politica a favore dei conti pubblici promossa dal governo Prodi abolendo la procedura d'infrazione aperta nel 2005. Una decisione presa perché "il deficit è stato portato sotto il tetto del 3% del Pil in maniera credibile e sostenibile". Il rapporto deficit/pil è stato portato all'1,9%, ma la Ue mette in guardia: conti pubblici a rischio per il 2008.

 

"Tagliare il debito per stimolare la crescita". "L'Italia deve sfruttare i risultati del 2007 per equilibrare il suo bilancio il piu' rapidamente possibile e portare in modo fermo il debito pubblico su un percorso discendente per liberare delle risorse che permettano di stimolare la crescita". E' questa la ricetta del commissario Ue agli Affari economici Joaquin Almunia per l'Italia, secondo quanto si legge in una nota diffusa a Bruxelles.

 

Istat: Italia quarta in Europa per surplus primario. Nel 2007, soprattutto grazie a un cospicuo aumento delle entrate, l'Italia si colloca al quarto posto tra i paesi di Eurolandia per surplus primario. E' quanto evidenzia l'Istat nel volume presentato oggi ''100 statistiche per il Paese''. Resta un debito che nel 2006 era il piu' elevato dell'Unione europea, anche se in diminuzione nel 2007. L'Istat ricorda che in fatto di crescita, dal 2000, l'Italia sperimenta tassi piu' modesti della media europea.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -