Cresce l'inflazione, i sindacati chiedono l'intervento del Governo

Cresce l'inflazione, i sindacati chiedono l'intervento del Governo

L'inflazione tendenziale balza a novembre al 2,4%, rispetto al 2,1% registrato ad ottobre. A livello congiunturale i prezzi al consumo sono cresciuti dello 0,4% rispetto al mese di ottobre. Lo rende noto l'Istat in un comunicato, diffondendo le stime provvisorie. Tale accelerazione, ha spiegato l’Istat, si deve ai prezzi dei prodotti energetici (+1,8% sul mese e 5,1% sull’anno) e alimentari. Preoccupazione è stata espressa da Confindustria e da Cgil, Cisl e Uil.

“Non so se sia il momento giusto per chiedere il taglio dei tassi” ha dichiarato il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, che ha sottolineato come la scelta sia stata sempre sostenuta in funzione dello sviluppo e crescita.

Per il segretario confederale della Cgili, Marigia Maulucci, “occorre un intervento immediato e incisivo del governo in direzione fiscale che è possibile attraverso la diminuzione delle accise e le sanzioni, da parte del Governo e degli Enti locali, verso qualsiasi intervento speculativo”. Cisl e Uil hanno richiesto l’immediato intervento del Governo.


EUROZONA - L'inflazione dell'eurozona balza al 3% a novembre, dal 2,6% di ottobre. E' la prima stima flash diffusa da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione Europea. Si allontana cosi' ulteriormente la soglia di riferimento della Banca centrale europea, pari al 2%.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -