Crisi, Portogallo e Irlanda sono sull'orlo del baratro

Crisi, Portogallo e Irlanda sono sull'orlo del baratro

Crisi, Portogallo e Irlanda sono sull'orlo del baratro

ROMA - Portogallo e Irlanda sono sull'orlo del baratro. E anche la Spagna a breve potrebbe seguirle. L'Unione Europea sembra intenzionata a mobilitare tra qualche giorno gli strumenti che si è data per soccorrere i Paesi in difficoltà. Una situazione che si riflette anche sull'euro che ha fatto segnare una chiusura al di sotto di quota 1,36 dollari. Nel frattempo peggiora il quadro del debito nel complesso della zona euro, dove il rapporto deficit/Pil nel 2009 è schizzato al 6,3%.

 

Nel 2008 era del 2% registrato. Per l'intera Unione Europea (a 27 membri) il rapporto deficit/Pil è salito al 6,8% dal 2,3% dell'anno prima. Per quanto concerne il debito, l'Eurozona mostra un incremento al 79,2% dal 69,8% precedente e l'Europa allargata al 74% dal 61,8% precedente. Tra i paesi che accusano il maggior rapporto deficit/Pil c'è ovviamente la Grecia con un 15,4%. L'Irlanda non è messa meglio con un rapporto deficit/Pil al 14,4%, seguita dal Regno Unito all'11,4%.

 

Quindi ci sono la Spagna all'11,1% e il Portogallo al 9,3%. Per l'Italia è stato confermato il rapporto deficit/Pil al 5,3% contro il 7,5% della Francia. Tuttavia il debito pubblico si conferma fra i più alti in Europa, al 116%, subito dietro la Grecia che vede lievitare il debito al 126,8%. La Francia ha un rapporto debito/Pil al 78,1% ed il Regno unito al 68,2%.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -