L’Emilia-Romagna prima nella ripresa del Paese: cresce l'occupazione

Per il 2017, secondo le previsioni di Prometeia, il Pil dovrebbe crescere dell’1,0%, replicando il moderato incremento previsto nel 2016, per salire ulteriormente dell’1,3% nel 2018

Un tasso di crescita dell’1 % conferma l’Emilia-Romagna, assieme alla Lombardia, come la regione con la crescita più elevata del Pil, tra i protagonisti della ripresa economica del Paese. I dati del Rapporto 2016 sull’economia dell’Emilia-Romagna, realizzato da Unioncamere e Regione, e presentato stamani a Bologna, ribadiscono le previsioni di Prometeia.  L’Emilia-Romagna si è collocata quindi tra le regioni più dinamiche. I tassi di crescita reali più contenuti, pari allo 0,3 per cento, riguardano Abruzzo, Basilicata e Campania. Alla crescita reale del Pil, si dovrebbe associare un andamento più dinamico per la domanda interna, che dovrebbe crescere dell’1,5 per cento, replicando l’incremento del 2015. A sostenere l’economia regionale è l’export che, pur in leggera frenata, dovrebbe chiudere con un aumento reale del 3,0%.

I numeri - L’Emilia-Romagna si contraddistingue per l’apertura ai mercati esteri: i dati Istat hanno registrato nei primi nove mesi di quest’anno una crescita delle esportazioni del 1,5% (+0,5% in Italia). La ripresa del Pil, seppur moderata, ha avuto esiti positivi sul mercato del lavoro, il cui andamento è stato caratterizzato da un apprezzabile incremento dell’occupazione. Nei primi nove mesi del 2016 in Emilia-Romagna risultano occupate mediamente circa 1.960.000 persone (Istat), vale a dire il 2,4% in più rispetto al 2015. Sotto l’aspetto del genere, sono le donne a contribuire alla crescita dell’occupazione (+4,0%), a fronte del più contenuto, ma comunque importante, incremento degli uomini (+1,1%). L’Emilia-Romagna ha nuovamente registrato il secondo miglior tasso di occupazione del Paese, alle spalle del Trentino-Alto Adige. Con un tasso di disoccupazione del 7,1% si è collocata nei primi nove mesi del 2016, tra le regioni italiane meno afflitte dal fenomeno. Per quanto concerne il tasso di attività, nel terzo trimestre 2016 è la seconda regione italiana (73,4%), in virtù del tasso di attività femminile, tra i più elevati del Paese (67,2%).  dati congiunturali raccolti dal sistema camerale dell’Emilia-Romagna sui principali comparti produttivi evidenziano, sempre per i primi nove mesi dell’anno, un andamento moderatamente positivo, in particolare per le imprese manifatturiere che esportano.

La produzione dell’industria in senso stretto è mediamente cresciuta dell’1,5% rispetto allo stesso arco temporale del 2015; in calo però il commercio, mentre qualche segnale di risveglio arriva dall’artigianato e dalle costruzioni. Bene il turismo, che chiuderà l’anno con una crescita di arrivi e presenze, sia sul fronte della clientela italiana che straniera.  Per quanto riguarda la “demografia” delle imprese, a fine settembre, la “consistenza” di quelle attive (pari a quasi 410mila unità) è diminuita dello 0,5% (-2116) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Analizzando i settori, il calo generale del numero delle imprese è stato determinato dalle attività agricole (-1,0%) e industriali (-1,7%), mentre il terziario ha mostrato una tenuta migliore (+0,2%).

Le previsioni - Per il 2017, secondo le previsioni di Prometeia, il Pil dovrebbe crescere dell’1,0%, replicando il moderato incremento previsto nel 2016, per salire ulteriormente dell’1,3% nel 2018. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -