Economia: in calo ancora le imprese, ma in modo contenuto la ripresa si avvicina

Nel primo trimestre del 2015, secondo i dati del Registro imprese delle Camere di commercio, elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna, in regione le imprese registrate erano 461.421 a fine marzo, quindi 2.476 in meno rispetto dicembre 2014

Nei primi tre mesi 2015, le imprese attive perdono 2.563 unità (-0,6 per cento) rispetto al trimestre precedente. Riduzione congiunturale più contenuta degli ultimi 7 anni. In calo costruzioni (-943), agricoltura (-798), commercio (-657). Segnali positivi dai servizi. In crescita le società di capitale (+887), riduzione contenuta per ditte individuali (-2.893), accelerata per le società di persone (-597). Manca ancora il segno positivo, tuttavia gli effetti negativi della recessione paiono attenuarsi, anche con riferimento alla nati-mortalità delle imprese.

Nel primo trimestre del 2015, secondo i dati del Registro imprese delle Camere di commercio, elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna, in regione le imprese registrate erano 461.421 a fine marzo, quindi 2.476 in meno rispetto dicembre 2014.

E’ la riduzione più contenuta degli ultimi 4 anni e in linea per ampiezza (-0,5 per cento) a quello nazionale. Rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, le iscrizioni (9.081) sono lievemente diminuite, mentre le cessazioni (11.612) hanno avuto una contrazione leggermente più ampia, e sono più attenuate che nel 2011.

Il dato delle imprese attive rende l’effettiva capacità della base imprenditoriale. A fine marzo, le imprese attive erano infatti 410.238, ovvero 2.563 in meno (-0,6 per cento): rispetto a fine dicembre la riduzione congiunturale più contenuta degli ultimi 7 anni, con l’eccezione del primo trimestre 2011.

Settori di attività economica. Hanno determinato la riduzione le costruzioni (-943 unità, pari a -1,4 per cento), l’agricoltura, silvicoltura e pesca (-798 unità, -1,3 per cento) e il commercio (-657 unità, -0,7 per cento). La manifattura ha perso lo 0,7 per cento delle imprese. Segnali positivi sono venuti dalla crescita delle attività di supporto per le funzioni d'ufficio e alle imprese, dalle attività professionali, scientifiche e tecniche e dai servizi di informazione e comunicazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Forma giuridica Andamenti nettamente divergenti per le tipologie di impresa. La contrazione della base imprenditoriale è derivata dall’andamento negativo delle ditte individuali (2.893 unità, -1,2 per cento) e dalla flessione delle società di persone di 597 unità, compensate in parte dalla crescita delle società di capitale (887 unità +1,1 per cento), la più ampia dal primo trimestre del 2009.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -