Fiat, i vescovi italiani: "L'azienda commette un errore etico"

Fiat, i vescovi italiani: "L'azienda commette un errore etico"

Fiat, i vescovi italiani: "L'azienda commette un errore etico"

Anche i vescovi italiani intervengono sulla vicenda che riguarda i tre operai che la Fiat di Melfi non intende far lavorare nonostante una sentenza ne disponga il reintegro. Giancarlo Maria Bregantini, Presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, ha detto ricordato che "l'azienda ha dei compiti e degli obblighi non solo di natura economica ma anche di natura personale. Poi c'è la funzione sociale, cioè la responsabilità verso la persona e l'ambiente, quindi la dignità di fronte a Dio".

 

"L'intervento del presidente Napolitano è stato nobilissimo, rapido, incisivo e lucido", ha detto l'alto prelato, affermando poi che sulla base di quanto sostiene la dottrina della Chiesa, si può dichiarare "che l'azienda stia compiendo un errore etico".

 

Intanto prosegue il presidio dei tre operai davanti allo stabilimento: "Non entreremo neanche oggi in fabbrica ma saremo qui ogni giorno, al turno delle ore 14: ci aspettiamo novità positive per domani"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -