Fmi: Italia in recessione fino al 2013

"L'Italia non può farcela da sola". E' quanto ha affermato il direttore del Dipartimento degli affari di bilancio dell'Fmi, Carlo Cottarelli, sottolineando come sia più che mai necessario rafforzare il sistema anticrisi a livello europeo

"L'Italia non può farcela da sola".  E' quanto ha affermato il direttore del Dipartimento degli affari di bilancio dell'Fmi, Carlo Cottarelli, sottolineando come sia più che mai necessario rafforzare il sistema anticrisi a livello europeo. Il giudizio di fondo sull'azione del governo Monti appare comunque confortante: "In Italia il pacchetto di provvedimenti approvati a dicembre - si legge - aumenterà di 1,25 punti percentuali di Pil il consolidamento fiscale previsto per il 2012-2014”.

Fra gli elementi importanti del pacchetto varato a dicembre, il fondo menziona in particolare la reintroduzione dell'Ici e la riforma delle pensioni. "Grazie a queste riforme e a quelle varate in precedenza - conclude nel passaggio dedicato all'Italia - le spese annuali in pensioni dovrebbero scendere di 1,75 punti percentuali di Pil nel corso dei prossimi venti anni”.

Tuttavia, "esagerare i programmi di consolidamento fiscale nel breve periodo per compensare le perdite di entrate legate all'andamento del ciclo rischia di penalizzare ulteriormente le attività economiche, ridurre il sostegno popolare per i programmi di austerità e minare la fiducia dei mercati". Insomma, l'austerity non sia a danno della crescita.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -