Grecia nel caos: guerriglia urbana e governo in bilico

La Grecia è sempre più nel caos. Prima di tutto per le reazioni della popolazione, che è scesa in piazza anche venerdì per manifestare contro le scelte che si stanno compiendo per cercare di salvare il paese dal fallimento

La Grecia è sempre più nel caos. Prima di tutto per le reazioni della popolazione, che è scesa in piazza anche venerdì per manifestare contro le scelte che si stanno compiendo per cercare di salvare il paese dal fallimento. Il primo dei due giorni di sciopero generali proclamati è sfociati in una guerriglia urbana e in scontri. Nonchè in un terremoto politico dalle conseguenze imprevedibili.

Il gabinetto del premier Lucas Papademos perde i rappresentanti dell'estrema destra (un ministro e tre sottosegretari del partito Laos), inoltre si è dimesso la vice ministro degli Esteri Marilisa Xenogiannakopoulou, figura molto vicina all'ex premier Georges Papandréou.

Tra le ipotesi al vaglio, anche se nessuno lo ammette, c'è anche quella di portare la Grecia ad un fallimento controllato, che però avrebbe conseguenze impossibili da immaginare. E infatti il cancelliere tedesco Angela Merkel, sulla quale grava non poca responsabilità per questa situazione secondo molti osservatori, afferma che "un fallimento della Grecia è un rischio che non si vuole affrontare, e che non si potrebbe controllare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -