Il Consiglio dei Ministri dà il via libera alla Finanziaria

Il Consiglio dei Ministri dà il via libera alla Finanziaria

Il Consiglio dei Ministri dà il via libera alla Finanziaria

ROMA - Via libera alla Finanziaria. Lo ha annunciato il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, spiegando che si tratta di un "documento molto tecnico, solo la fotografia dei conti pubblici". Dal governo c'è stata "unanime condivisione delle opportunità e delle difficoltà che derivano dalla finanza pubblica di un grande Paese, in un momento di difficoltà economica" internazionale. Tremonti ha dato il via alla seconda fase, quella relativa allo sviluppo.

 

A breve saranno convocate le parti sociali e poi quelle tecniche per l'obiettivo molto ambizioso di ridisegnare il sistema fiscale. In merito alla riforma dell'Università, il governo si è impegnato a "mettere più soldi possibile", ha evidenziato Tremonti, ma questo avverrà "a fine anno". Il ministro dell'Economia ha sottolineato che verrò fatto "tutto il possibile". Mercoledì, ha aggiunto, "si è definito che la Finanziaria è la finanziaria e la legge di ordinamento è un altra cosa".

 

Il ministro ha poi affermato di avere parlato con il premier Silvio Berlusconi dei provvedimenti per lo sviluppo, elencando una serie di punti dai quali intende partire: "Il nucleare, la pubblica amministrazione, il Sud, la tematica dei rapporti sociali fino alla riforma fiscale". Al termine del Consiglio dei ministri, il leader della Lega Umberto Bossi, parlando con i giornalisti, ha detto di avere "massima fiducia" in Tremonti, definendolo il "cancelliere di ferro", una specie di "Bismarck".

 

Per il capogruppo di Fli alla Camera, Italo Bocchino,è "inevitabile che il governo sia costretto, alla fine, a mettere la fiducia in parlamento, perché le divisioni all'interno del Consiglio dei ministri sono evidenti". Sconsolato il commento del ministro dell'Agricoltura, Giancarlo Galan: "La finanziaria? È una tragedia - ha tagliato corto -. Il problema è che non ci sono soldi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -