Il premier Monti: "La Ue pensi alla crescita"

“Si è fatto pochissimo” finora sul fronte della crescita nell'Unione Europea. E' quanto ha sottolineato il presidente del Consiglio, Mario Monti, nell'enunciare i tre “tasselli” di intervento

“Si è fatto pochissimo” finora sul fronte della crescita nell'Unione Europea. E' quanto ha sottolineato il presidente del Consiglio, Mario Monti, nell'enunciare i tre “tasselli” di intervento. Ovvero “il perfezionamento del sistema di disciplina di finanzia pubblica, la definizione di una batteria di firewall per evitare il contagio finanziario e il rilancio delle politiche di crescita”. Monti ha sottolineato che l'Italia non è più vista “come una mina principale del sistema”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Paese è visto come quello che può contribuire a “trovare soluzione”. “L'impegno per la costruzione europea non è una priorità del governo – ha sottolineato il premier -, ma è patrimonio del Parlamento, di tutti i governi che si sono succeduti e di tutti i partiti”. Per Monti è inoltre necessario “dotare” il fondo salva Stati di “risorse adeguate, di stabilità di coordinamento reciproco e di una governance del fondo che sia umana e non sovraumana e quindi possa effettivamente funzionare e non essere circondata da vincoli e cavilli”.
 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -