In flessione il numero delle imprese femminili: focus settore per settore

Aumentano le imprese ascrivibili a imprenditrici straniere (+2,4 per cento). Cina, Romania e Albania le comunità più rappresentate

Al 30 giugno scorso le imprese attive femminili in Emilia-Romagna erano 84.336, in leggera flessione rispetto alla stessa data del 2019 (-525 unità, pari a un -0,6 per cento). Il calo è stato più accentuato tra le imprese non femminili (-0,8 per cento). L’incidenza dell’imprese femminili sul totale delle imprese regionali è pari al 21 per cento, inferiore alla media nazionale del 23 per cento.

Va sottolineato come le regioni con la percentuale di imprese femminili più contenuta siano nell’ordine Trentino Alto-Adige, Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, territori con una elevata occupazione femminile, ad indicare una forte correlazione tra imprenditorialità e mercato del lavoro. Come accade anche per le imprese giovanili, spesso l’apertura di un’attività in proprio rappresenta una forma di autoimpiego a cui si ricorre in assenza di alternative occupazionali, da qui le percentuali più elevate nel Mezzogiorno.

I settori di attività economica

La flessione delle imprese femminili deriva dalla composizione di tendenze ampiamente divergenti. Da un lato, quella positiva dell’insieme dei servizi escluso il commercio (+319 unità, +0,8 per cento) e delle costruzioni, dall’altro, quella negativa derivante soprattutto dalla riduzione della base imprenditoriale nel commercio (-511 unità, -2,3 per cento), nell’agricoltura (-246 unità, -2,0 per cento) e in misura sensibilmente minore nell’industria (-1,4 per cento, -105 unità).

Nazionalità

Il 13,5 per cento delle imprese femminili è ascrivibile a imprenditrici straniere. Se si scompone la variazione del numero delle imprese femminili in base alla nazionalità del titolare emerge una crescita della componente straniera, +2,4 per cento, a fronte di un calo di quella italiana, -1,1 per cento. Complessivamente sono 11.387 le imprese femminili straniere, mentre le imprenditrici di nazionalità estera che operano in Emilia-Romagna sono 17.588. Cina (3.409), Romania (1.937), Albania (951), Marocco (826) e Moldavia (730) le nazioni più rappresentate. L’età media delle imprenditrici straniere che operano in Emilia-Romagna è di 47 anni, quella delle imprenditrici italiane è di 55 anni.

La forma giuridica

Nonostante la leggera flessione delle imprese femminili, le società di capitale sono notevolmente aumentate (+400 unità, pari a un +2,6 per cento), anche per effetto dell’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata semplificata. A fare da contraltare sono state la rapida riduzione delle società di persone (-325 unità, -2,6 per cento) e la più lenta, ma più ampia flessione delle ditte individuali (-1,1 per cento, -597 unità). Le cooperative e i consorzi sono rimaste sostanzialmente quasi invariate (-0,2 per cento).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -