L'Emilia Romagna punta sull'innovazione: dal 2014 investiti oltre 2,6 miliardi di euro

L'assessore Costi: "Create opportunità di occupazione per oltre 2.000 ricercatori e opportunità di formazione per più di 22.500 persone

In Emilia-Romagna sono stati investiti quasi 2,6 miliardi di euro in 6.500 progetti, a favore di imprese, università e centri di ricerca, enti di formazione ed enti locali nel periodo compreso tra 2014 e i primi due mesi del 2019. I finanziamenti sono stati concessi nell’ambito della Strategia di specializzazione intelligente, S3, prevista dai regolamenti comunitari per il periodo di programmazione dei fondi europei 2014-2020. Questi dati sono stati elaborati da Aster, attraverso un sistema di monitoraggio pubblico che fornisce tutti gli aggiornamenti per misurare i risultati raggiunti e per l’analisi dei contributi della Regione Emilia-Romagna.

“Alla fine di febbraio- ha affermato l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi, commentando i risultati raggiunti-  la Regione ha già superato di quasi il 10% il totale stimato per l’intero periodo di programmazione che si chiuderà nel 2020. Sono stati finanziati oltre 6.500 tra imprese, università e centri di ricerca, enti di formazione, che partecipano attivamente alla realizzazione dei progetti. Nell’ambito di questo programma sono state create opportunità di occupazione per oltre 2.100 ricercatori e opportunità di formazione per più di 22.500 persone”.

Che cosa è stato finanziato

Secondo i dati elaborati, il 43% dei progetti monitorati sono relativi a ‘ricerca’ e ‘innovazione’. Ad essi si aggiungono gli ‘investimenti produttivi’ utili per assorbire e mettere a valore i risultati dell’innovazione. Alle imprese sono andati i due terzi dei contributi pubblici concessi, 736 milioni di euro su 1.133 milioni: di questi oltre 730 milioni provengono dalla Regione, in larga misura riconducibili ai fondi strutturali europei, mentre oltre 372 milioni provengono dai bandi finanziati con risorse nazionali o del programma Horizon 2020.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal punto di vista settoriale, l’ambito della Meccatronica e motoristica è nettamente prevalente per le attività di R&S, rappresentando il 30% del totale dei progetti e quasi il 40% in termini di risorse finanziarie. Anche gli altri due ambiti identificati dalla S3 come portanti nell’economia regionale - Agroalimentare ed Edilizia e costruzioni – hanno un peso importante (circa il 15% ciascuno), mentre i due ambiti emergenti – Industrie della salute e del benessere e Industrie culturali e creative - seguono a distanza rispettivamente con il 12 e l’8%. Se invece si considerano tutte le tipologie di progetti, aumenta il peso dell’ambito Agroalimentare anche grazie alla consistenza delle risorse del Programma regionale di sviluppo rurale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -