Lavoro in Romagna nel periodo estivo: fioccano le richieste nel settore del turismo

Occupazione nel territorio romagnolo: le imprese hanno programmato 10.020 entrate in crescita rispetto al mese precedente, in provincia di Rimini 5.850 e 4.170 in provincia di Forlì-Cesena, nel mese di maggio 2018

Le aziende alla ricerca di personale nel mese di maggio sono il 25% in provincia di Rimini e il 22% per Forlì-Cesena, sul totale imprese del settore industriale, del commercio e dei servizi; 5.850 le entrate previste in provincia di Rimini (58% del totale Romagna), 4.170 per Forlì-Cesena. In prospettiva di 3 mesi, maggio-luglio 2018, le entrate previste sono 26.820 (per il 65% in provincia di Rimini). Questo è quanto emerge dall’ultima rilevazione condotta nell’ambito dell’indagine mensile dei fabbisogni occupazionali delle imprese attraverso il Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal, rielaborato dall’ufficio Orientamento, alternanza e placement dell’ente camerale; i bollettini sono resi disponibili a tutti gratuitamente.

Complessivamente le imprese dell’area Romagna hanno programmato in maggio 10.020 entrate (23% del flusso regionale), in Italia gli ingressi programmati sono 426.000, di cui 42.900 in Emilia-Romagna (10% del flusso nazionale).

Il 37% della domanda di lavoro espressa dalle imprese di Rimini interessa giovani under 30, percentuale inferiore a Forlì-Cesena (27%), comunque ragguardevole.

Gli impieghi proposti sono alle dipendenze per il 94% dei casi a Rimini e per l’87% a Forlì-Cesena, in prevalenza a termine (86% per entrambi i territori).

Le entrate più significative riguardano le “Professioni commerciali e dei servizi” (Rimini 85% e Forlì-Cesena 61% nei primi 5 settori), in particolare si evidenziano 3.070 ingressi a Rimini nei “Servizi di alloggio e ristorazione, servizi turistici” ma anche su Forlì-Cesena con 1.510 ingressi. Tali entrate sono previste da imprese con meno di 50 dipendenti per l’84% dei casi a Rimini e per il 77% a Forlì-Cesena.

Si riscontrano difficoltà di reperimento delle figure richieste dalle imprese nel 17% dei casi a Rimini e nel 15% in provincia di Forlì-Cesena. Le professioni più difficili da reperire sono “Operai nelle attività metalmeccaniche” per Forlì-Cesena (56,8%) e “Conduttori di mezzi di trasporto” per la provincia di Rimini (38,8%).

L’area aziendale di inserimento più frequente per le assunzioni previste è la “Produzione di beni ed erogazione dei servizi” in entrambe le province (68% a Rimini e 61% a Forlì-Cesena) con difficoltà di reperimento maggiori sui giovani. Viceversa le figure delle aree aziendali più difficili da reperire sono quelle ‘tecniche e della progettazione’ dove le problematicità salgono al 37% dei casi a Forlì-Cesena e della ‘logistica’ per il 25% dei casi a Rimini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La richiesta di laureati riguarda solo il 6% delle entrate a Forlì-Cesena e il 4% a Rimini, quando si attesta al 10% mediamente sia in Emilia-Romagna che in Italia. Inferiori al dato regionale e nazionale (15%) anche le richieste per i profili high skills, dirigenti, specialisti e tecnici, che si attestano pari al 9% (Forlì-Cesena) e 6% (Rimini).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -